Don Diablo ha pubblicato il suo nuovo album “FORΞVΞR”

Don Diablo è sicuramente una delle figure più importanti della scena dance/elettronica mondiale da tanti anni. La sua continua crescita e sviluppo di tutto ciò che ha fatto (e sta facendo), non solo direttamente con la musica, è probabilmente la ragione principale che porta Don Diablo nell’Olimpo dell’EDM. Don Pepijn Schipper ha lanciato il nuovo album “FORΞVΞR”, un’altra gemma che segue “FUTURE”. Abbiamo avuto l’opportunità di parlare con Don Diablo dell’album, di NFT e altro, ma subito dopo un divertente incontro con Siri.

Tutto quello di cui abbiamo parlato
  • Il tuo album si intitola “FORΞVΞR”, disponibile dal 10 settembre su tutte le piattaforme. Perché la scelta di questa parola e quali collaborazioni e novità di stile possiamo trovare in essa?

L’idea per il titolo dell’album FORΞVΞR è nata dal concetto del mio pensiero su “Cosa è effettivamente per sempre?”, “Cosa dura per sempre?”, “Niente dura davvero per sempre?” e allo stesso tempo viviamo in un’era in cui tutto dura per sempre perché tutto è digitale, tutto è fatto in un modo che potrebbe potenzialmente durare per sempre. Tutto tranne gli esseri umani, giusto? Voglio giocare bene con quell’idea e creare qualcosa che almeno per me sia qualcosa di cui essere orgoglioso per il resto della mia vita, ma è anche un termine usato molto quando le persone sono morte. Questo davvero mi ha sempre colpito allo stomaco a causa della consapevolezza del fatto che un giorno non sarai più qui. Qualcosa che accade sempre nella mia testa e l’idea di avere un album chiamato Don Diablo FORΞVΞR, per me è anche un modo per creare qualcosa. Potrebbe essere il mio ultimo album o meno. Non ne ho idea. Non sai mai cosa succederà nella vita, lo sai? Sono un grande pensatore, quindi penso alle cose in anticipo. E musicalmente avevo un album quasi finito, alla fine ho cambiato a causa della pandemia. Perché so che le cose durano per sempre: una volta che l’hai pubblicato non puoi più annullarlo. Ed è andata così, ho davvero riavviato l’album. Penso che davvero non pubblicherò 10 canzoni che ho già suonato dal vivo, ma voglio fare qualcosa di meglio. Voglio migliorarmi perché duri per sempre.

  • Sei uno degli artisti più autentici della scena dance/elettronica moderna, e questo influenza il tuo forte legame con i tuoi Hexagonians, tra le comunità EDM più unite. Come fai ad essere te stesso al 100%, senza filtri e quale pensi sia l’arma vincente dei tuoi fan?

Penso che tu abbia colto nel segno, sai? Penso davvero che rimanendo te stesso puoi costruire un gruppo così stretto di persone che si uniscono. Per me è sempre stata una questione di onestà, e non vedo gli Hexagonians come fan. Li vedo come un gruppo di persone che si uniscono e che non riescono a trovare un modo per trovare il loro posto su questo pianeta. Per me sono sempre stati ordinati come un emarginato. Ho sempre lottato con problemi fisici e mentali e penso che la musica sia stata la mia via di fuga. E per me è stato fantastico aver trovato una comunità, un modo per esprimermi e aiutare le altre persone attraverso la mia musica. Ma in un modo che aiuta anche me, ci aiutiamo a vicenda perché mi danno un certo senso di valore e penso di non poter mai essere sottovalutato. Penso che sia anche da dove provenga l’abbigliamento, perché lo stesso con l’abbigliamento dà un senso di valore personale per indossare qualcosa in cui ti senti a tuo agio. O qualcosa che ti connette a qualcun altro dall’altra parte del pianeta. Molti Hexagonians vengono al mio concerto da soli perché potrebbero non avere amici. Ma sanno quando vanno a quello spettacolo che troveranno qualcuno con cui vogliono entrare in contatto. Tutti i miei dischi, se ascolti l’album, sono tutte storie molto oneste. Dischi come “Into The Unknown”, sono fondamentalmente io a casa mia a farti sapere come mi sento a stare da solo per così tanto tempo. Avere tutta questa incertezza, insicurezza. Ma allo stesso tempo “Thousand Faces” parla di me che perdo mio padre. Tutte queste canzoni hanno davvero una storia con cui le persone possono relazionarsi, se ti immergi un po’ più a fondo. Per me i testi sono importanti quanto la musica e la produzione. Perché penso che gran parte dell’EDM si concentri davvero sul comparto techno su: “Come posso creare il suono?”, “Di che genere è?”, “Per favore, fai quello che hai fatto prima”. Ma per me come artista si tratta più di come posso raccontare la mia storia, la storia della mia vita. Di nuovo questo è FORΞVΞR. Come se un giorno me ne andrò e voglio che tu ascolti la mia musica e voglio ispirarti e spero che possa anche aiutarti. Diventa più grande, lasciati ispirare o forse sentiti un po’ più sicuro.

  • In che modo pensi che la blockchain stia cambiando l’industria musicale con NFT, piattaforme di diritti e royalties e quali sono i tuoi prossimi progetti in quest’area?

Penso che la blockchain in generale stia cambiando il mondo. Non sta cambiando specificamente l’industria musicale. Lo è, ma in generale sta cambiando il mondo. Cambierà l’intera industria dell’intrattenimento. Ma anche affari, possibilità mediche: sai, le tue cartelle cliniche saranno sulla blockchain in futuro; la tua amministrazione sarà sulla blockchain. È una nuova forma di pensiero molto trasparente, molto stabile e restituisce il potere alle persone. Per la musica può essere lo stesso. Il motivo per cui ho fondato la mia etichetta HEXAGON è stato quello di mettere altri produttori, musicisti, vocalist in una posizione in cui avranno ancora il 50% di proprietà della loro musica e si sentiranno parte di una piattaforma. Dove sono ascoltati, dove possono sperimentare e dare anche la possibilità ai nuovi talenti di essere ascoltati. Ma penso che la blockchain renderà anche superflua l’etichetta discografica a un certo punto. Comunicherai letteralmente e direttamente con una possibile base di fan. Ma alla fine avrai ancora bisogno di un curatore, per mettere la musica davanti a te. Quindi penso che non se ne andrebbe mai. L’etichetta continuerà a esistere per alcune persone che non sono ancora state scoperte. Lo stesso quando creo arte: ha ancora bisogno di gallerie, musei per far incontrare le persone, alcuni luoghi collettivi. Ma il potere sarebbe restituito molto di più all’artista e consentirebbe all’uomo medio, le persone di fare musica alle spalle dei produttori, i creativi in ​​generale, sarebbero tagliati fuori, sarebbero costretti a cercare un nuovo lavoro, o forse a diventare creativi per se stessi o quello che penso sia la cosa principale per me che il potere tornerà a chi crea. E sono molto entusiasta. Ma per me personalmente, quando si tratta di NFT, mi concentro principalmente sul lato artistico. La mia musica ne fa parte, ma è eccitante per me perché consente tutti i nuovi movimenti, l’intera idea dell’arte è cambiata. Di solito andresti in un museo per vedere una scultura o dei dipinti. Ma ora sono già in trattative con diversi musei, per il mio lavoro che è audiovisivo, tecnologico e ha un concetto intorno. Le persone ora sono aperte all’idea di cosa sia l’arte, prima che la musica fosse sempre vista come un’arte inferiore, c’è arte che dovrebbe essere in un museo, ma quando si sovrappone audio o video non c’è specificamente arte. Quando si sovrappone la pittura, questo è visto come arte. Ma stratificare qualcosa che non è tangibile non è mai stato visto. E penso che stia cambiando, c’è un’intera rivoluzione digitale e sta cambiando il mondo. È più veloce e più difficile di quanto possiamo effettivamente vedere, e sono davvero molto felice di interpretare un ruolo.

 

https://www.instagram.com/reel/CUCuIcuDE6L/

 

  • Quanto ha influito la pandemia sul tuo stile e come si è evoluto il tuo concetto di musica in questi anni di lockdown obbligatorio?

Sei sempre in qualche modo influenzato dalle cose che accadono intorno a te, quindi se suoni costantemente in locali affollati e cornici pazzesche, la tua musica sarà influenzata da questo. (Pandemia) Mi ha dato l’opportunità di pensare fuori dagli schemi. Penso che tutta la mia musica abbia ancora energia. Puoi ballare con la musica, ma non è specificamente il tipo di musica da MainStage. La mia musica è sempre stata diversa da ciò, ma penso che questo sia ancora più una specie di album che posso suonare se voglio, ma è più maturo. Ho avuto più tempo da dedicarci, più tempo per scrivere, più tempo per fare tutte le cose che non ho mai fatto. Per me si tratta davvero di crescere, se ascolti “Hot Air Balloon” o “Stay Awake” o “FORΞVΞR” sono più personali che mai, immagino. Raccontano storie da sole. Penso che sia forse più maturo come musicista, come scrittore oltre che come produttore. Penso che sia grazie alla pandemia. Ed è davvero il motivo per cui ho voluto rivisitare l’album e renderlo il migliore possibile. Ma come produttore di EDM ti viene una domanda del tipo “Di cosa parla questa canzone?” e “Da dove viene?”. Ma prendi come una canzone come “From The Deep” con un artista misterioso chiamato Enigma, questo è in realtà il gruppo con cui ho collaborato da bambino. E trovare quel CD durante la pandemia è stato pazzesco. Da bambino è stata una delle prime cose che ho campionato, anzi ho trovato il cd durante la pandemia, ho iniziato a 13 anni e non l’ho mai finito, perché non sono mai riuscito a pulire il campione e solo ora ho avuto il tempo, ho passato 2 settimane a casa mia senza uscire, solo sperimentando, con suoni e idee, finendo un remix che ho iniziato quando avevo 13 anni. Che non avrei mai trovato se non fosse stato per la pandemia. E penso che un momento come quello per me che davvero finisce l’album o se ascolti “INFINITΞ FUTURΞ”, un piccolo intermezzo nell’album, che fa parte del mio primo NFT. Ho trovato la registrazione, l’ultima registrazione di me che parlo con mio padre prima che morisse, quindi è un breve pezzo audio, è alla fine di quella canzone e non l’avrei mai trovata se non fosse stato per la pandemia. Molti fan erano un po’ arrabbiati perché ci è voluto più tempo per realizzare questo audio, ma sentivo anche che dovevo creare qualcosa che fosse più personale, di cui sarei più o orgoglioso, che suonasse più progressivo, con un suono più nuovo, un’idea più recente. E so che la gente vuole sempre che “suoni” come prima, ma come creator vuoi crescere. Vuoi sempre mantenere quella familiarità in modo che le persone si sentano ancora come Don Diablo, ma allo stesso tempo sei maturo, vuoi sicuramente qualcosa in più di quello che hai dato prima. Ci sono riuscito grazie alla pandemia.

https://www.instagram.com/p/CT10ACmspWM/?utm_source=ig_web_copy_link

Esprimiamo tutto il nostro piacere per aver potuto parlare con Don Diablo, ma possiamo anche dire che speriamo di vederlo presto suonare dal vivo. Siamo abbastanza sicuri che Don Diablo abbia già raggiunto i suoi obiettivi, ma anche che una figura come lui non smetterà di cercare, di costruire ogni volta qualcosa di meglio e di crescere ancora come uomo e artista. FORΞVΞR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.