È tornato Sziget, ed è più in forma che mai!

Dopo Balaton Sound, dal 10 al 15 Agosto il più grande festival d’Europa torna nella storica casa che l’ha ospitato da ormai quasi 30 anni, l’Óbudai-sziget (isola della vecchia Buda) a Budapest, in Ungheria, con una delle lineup più importanti della stagione.

Il fiore all’occhiello di Budapest è una delle più grandi istituzioni al mondo per quanto riguarda i festival, con la prima edizione che risale al lontano 1993, e da allora si è guadagnato un posto nell’olimpo degli eventi estivi, chiamando a sè ogni anno oltre 500.000 persone nell’arco dei suoi 6 giorni di festa.

Nonostante lo stop forzato dato dalla pandemia, Sziget si prepara a recuperare le edizioni degli ultimi due anni con una lineup di enorme spessore, a cominciare dagli headliner che comprendono Dua Lipa, Tame Impala, Justin Bieber, Kings Of Leon, Arctic Monkeys e Calvin Harris, ma anche Stromae, Lewis Capaldi, Bastille, Sam Fender, Steve Aoki, Caribou oltre a più di 200 performance su oltre 60 palchi diversi.

Se, come per Balaton, il mainstage chiude relativamente presto, le decine di stage alternativi sono pronti a portare la musica fino al mattino, con live e dj set di Alan Walker, FKJ, Folamour, Honey Dijon, Ben Klock, TSHA, Floating Point, Claptone, Solardo, NGHTMR, Dirtyphonics, Seth Troxler, Kolsch, Mathame...la lista è davvero infinita e appagante per qualsiasi Szitizen.

Troviamo anche molta Italia a Budapest, con le performance di VillabanksPsicologiMargherita Vicario, Enula, Bais, Boston 168, Modena City Ramblers, Bais e Erica

 

Come ogni edizione Sziget si propone come un festival unico nel suo genere, non solo per il corposo ventaglio di artisti in cartellone, con moltissime performance esclusive e stage per ogni genere musicale, dal folk all’EDM, ma anche e soprattutto per una realtà, arrivata ormai alla sua 28° edizione, che è riuscita a costruire una vera “Island of Freedom” all’interno dell’isola in mezzo al Danubio in cui risiede, dagli spettacoli circensi alle performance visive.

La riserva naturale che circonda Óbudai-sziget isola il festival in un locus amoenus tutto da scoprire, dove perdersi tra il verde lussureggiante pur avendo a pochi km di distanza una capitale europea come Budapest, che nei giorni di festival si accende a festa proponendo attività di contorno come party esclusivi al castello di Buda o boat party sul Danubio, oltre ad integrare le attività e il turismo di una città pregna di storia con uno dei festival più grandi del mondo.

Non vediamo l’ora di tornare finalmente ad attraversare il K-bridge ed entrare nel magico mondo di Sziget!

Potete trovare l’intero programma e i biglietti di Sziget sul sito ufficiale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.