Skrillex e J Balvin hanno utilizzato nella loro ultima collaborazione, resa celebre anche dalla presenza in copertina di Khaby Lame, un sample datato 1993 che arriva direttamente da un brano originale di David Morales, intitolato proprio “In De Ghetto”.


Sampling isn’t simple

Il sampling è una delle tecniche più utilizzate nel processo di produzione musicale. Tra i tanti artisti che lo hanno reso celebre non possiamo non scomodare i Daft Punk, ma anche i Justice e perché no, i più recenti Topic & A7S che hanno utilizzato un sample di “Your Love (9 PM)” nell’ultima collaborazione – proprio – con lo storico produttore e dj tedesco ATB, al secolo André Tanneberger. Cosa c’entra quindi con Skrillex e J Balvin? Facciamo un salto temporale di ben 28 anni e andiamo a scoprirlo insieme.

Skrillex & J Balvin


David Morales & Skrillex

È il 1993 quando David Morales rilascia un singolo sull’etichetta Mercury Records in collaborazione con i “Bad Yard Club“, un ensemble di produttori, cantanti, artisti riuniti proprio dal DJ e Producer statunitense. La traccia pubblicata prende il nome di “In De Ghetto“, e vede tra i tanti anche un featuring con la cantante Delta Bennett. Il sample utilizzato inizia a 1.17:


Non finisce qui

Non è questa la prima volta in cui “In De Ghetto” viene campionata. Restando sempre nel genere, nel 2000 la traccia fu campionata da DJ Nelson, famosissimo produttore nato in Puerto Rico, il quale ha contribuito tra i tanti allo sviluppo del reggaeton fino al suo successo odierno. Nella sua traccia “Party en El Getto” possiamo infatti sentire il sample del brano originale di David Morales. Minut0 5:23


Il sampling è stato reso celebre dal rap negli anni ’90, ma ad oggi sono molti i produttori EDM ad utilizzarlo nelle proprie produzioni discografiche. E tu? Qual è il tuo brano “campionato” preferito? Faccelo sapere con un commento!

 

About Kevin Barbaro

Music freak, Techno head. Graduated at UNICAL in Communication Sciences. PointBlank Music Industry Diploma Student.

View all posts by Kevin Barbaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *