Di festival EDM in Italia ne abbiamo visti a frotte, tra eventi con budget a sei zeri che floppano clamorosamente a piccole realtà che nonostante le poche risorse riescono a costruirsi negli anni una brand identity e un core business che richiamano esponenzialmente sempre più pubblico.

Dreamland Music Festival si colloca tra questi ultimi, una modesta realtà nata nel 2015 ma con un potenziale enorme, che sta crescendo vertiginosamente anno dopo anno, rendendo questo festival una perla sempre più lucente nel panorama elettronico italiano.

View this post on Instagram

@djtigerlily was 🔥 last Saturday😱

A post shared by Dreamland Music Festival (@dreamlandmusicfestival) on

Nelle ultime tre edizioni i ragazzi di Dreamland sono riusciti a trasformare una zona apparentemente estranea come la Valmalenco in un’oasi per i ravers di tutte le età, portando nomi sempre più altisonanti e riuscendo al contempo a valorizzare il territorio e il panorama elettronico emergente.

L’edizione 2019 non è stata da meno, con una due giorni di musica capace di appagare qualsiasi orecchio: il venerdì orientato al rap e alla trap, presieduto da nomi del calibro di Guè Pequeno, Tedua e Drefgold; il sabato dominato invece dall’EDM e da una line-up di assoluto rispetto con Fedde Le Grand, Tchami, Brooks, Ofenbach e Tigerlily, affiancati da una scuderia di talenti italiani non indifferente, comprendente FaderX, BounceMakers, Puller e Lost Identities.

La formula vincente di Dreamland si basa su diversi fattori, a cominciare dalla stupenda cornice della Valmalenco e dei suoi monti che si stagliano su tutta l’area dell’evento, ma in particolare dalla mentalità degli organizzatori, capaci di pensare in grande senza lasciare nulla al caso: dalla direzione perfetta tra mainstage e backstage, allo studio meticoloso della line-up, fino alla gestione dei social e del merchandising, garantendo una festival experience unica nel suo genere.

Dopo la più che promossa ultima edizione e le splendide performance a cui abbiamo assistito non vediamo l’ora di scoprire le novità del prossimo anno, sicuri che il nome di Dreamland arriverà ben più in alto delle montagne che lo circondano.

Nell’attesa restate con noi, nei prossimi giorni usciranno le nostre interviste ai protagonisti del festival: Brooks, Tigerlily, FaderX e BounceMakers