Back to roots: radici, numeri e aneddoti delle canzoni dance più iconiche, sorprendenti e interessanti negli ultimi anni! ! 🚗🎶

La Delorean non si ferma mai, è sempre nell’etere delle radio delle app di streaming musicale e delle news social; salta da un venerdì di release all’altro, da una stazione all’altra con l’obiettivo di trovare ispirazione per recuperare nuovi itinerari sonori dispersi nel tempo.

Questa volta facciamo un bel pieno di energia al fine di un lungo viaggio chilometrico in 3 decadi radicalmente diverse fra loro, fluttueremo leggeri nel tempo da un punto all’altro come una foglia guidata dal vento dopo esser caduta da un albero autunnale; le nostre traiettorie saranno dettate dalle note e dal ritmo.

L’alba di venerdì ha regalato nuova luce ad un classico della dance e della discohouse mondiale di tutti i tempi, e come tutte le volte in cui si lucida qualcosa di meraviglioso l’effetto wow è strepitoso; bentornata Spiller – Groovejet (If This Ain’t Love) grazie al restyling nu-disco di Purple Disco Machine & Lorenz Rhode Remix :

Tutto il merito di questa missione musicale è della Defected che di Groovejet detiene i diritti da qualche anno. Allora perchè non fare come da faccione/meme della copertina conseguente un bel mashup fra le sembianze di Tino Piotek aka Purple Disco Machine ed i  baffoni di Spiller?

Per chi ancora non lo sapesse la Defected è un’etichetta indipendente operante nel campo della musica house, nonché bandiera mondiale per quanto riguarda il genere deep/soulful/vocal/funky house. E’ stata fondata a Soho nel 1999 da Simon Dunmore sul modello della la Strictly Rhythm, una label con cui aveva collaborato. Subito lanciatissima nello stesso anno dalla produzione del successo “Soulsearcher – Can’t Get Enough” e dopo due anni da un’altra pietra miliare dell’house come “Another Chance” di Roger Sanchez. Chi volesse approfondire in merito alla Defected scoprirebbe le licenze sulle produzioni più epiche di Bob Sinclair “Love Generation”, “World, Hold on”, “Rock this party” ; la saga delle compilation “Defected in Da House” e molti eventi live entusiasmanti.

Il dj producer tedesco Lorenzo Rhode ed il connazionale Purple Disco Machine hanno conferito a questa traccia epica una veste nu disco, genere tanto in voga in questo momento. Per scalare nuovamente le classifiche e dar senso alla trovata finanche mediatica dell’etichetta, è stato sufficiente rallentare i bpm quanto basta, lasciare in evidenza quel sibilo simile al decollo di un jet senza intaccare il vocal e la melodia originale. Il gioco è stato completato inserendo i sample di tastiere ed effetti tipici dello stile di Purple Disco Machine, di cui riproponiamo nostra intervista:

Intervista al DOC della disco music: Purple Disco Machine

La prima Groovejet nasceva ben 21 anni fa, agli albori del 2000 sotto le sapienti mani dell’italiano Spiller. Il veneziano Cristiano Spiller, grande artigiano di basi groove dance e house, propone una versione strumentale già nel 1999 nel suo EP Mighty Miami ma l’etichetta britannica Positiva decide in pubblicazione di dare una forte spinta radiofonica al brano aggiungendo alla ricetta l’ingrediente della magica voce di  Sophie Ellis-Bextor, appena separatasi dal gruppo di origine Theaudience. 

Il risultato è stato magnificamente esponenziale, la traccia toccava il gradino più alto del podio delle classifiche di ogni paese in cui “metteva piede” per restarci a lungo. 2000000 di copie in un anno, traccia più suonata e ballata del primo decennio dei duemila fino a diventare la demo test dei primi I-POD dell’Apple!

Groovejet ( If this Ain’t love) è stato e sarà per sempre un jet carico di groove, tutti l’abbiamo salvata più o meno inconsapevolmente nelle nostre playlist, ogni dj l’ha suonata almeno una volta senza essere necessariamente Dimitri From Paris o Glitterbox che la propongono in ogni djset come un marchio di fabbrica.

Nessun altro loop è così piacevole, i riff di chitarra di tastiere e di batteria sono trascinanti, ma molto del merito è anche della sensuale voce di Sophie Ellis Bextor, la cantante britannica che ha dato voce ad altri successi della dance come Murder on the Dancefloor e Get Over You.

La nostra Delorean però a ritroso supera il 2000 e va alle origini primordiali di questa grande Hit fermandosi al 1976 per trovare il campionamento padre della traccia: Carol Williams – Love Is You successo della discomusic 70/80 licenziato dalla label Salsoul Records:

Carol Williams prodotta da Vincent Montana Jr, cantava anche allora di un amore magnetico nelle sue canzoni fra i riff di chitarra elettrica e di trombe della Salsoul Orchestra. Carol é una delle dee della discomusic e successivamente della garage/house nonchè una delle regine del celebre Studio 54. Soprannominata Lectric Lady, non a caso come il titolo del suo album di maggior successo, ha esportato per il mondo il suo timbro di voce senza bisogno di filtri tecnici in produzione.

Con una sola traccia, un solo campionamento o sample che dir si voglia siamo arrivati al 1976 anno in cui Nasceva la Apple e veniva aggiornata la legge sul copyright; annata vincente di Sandro Munari vinceva nei Rally con la mitica Lancia Stratos e di Panatta sui campi da tennis, ma anche anno del primo volo del Concord e della mano nera della censura sul cinema italiano col sequestro delle pellicole del grande Bernardo Bertolucci.

Eppure abbiam fatto tappa all’alba del 2000, aurora dell’Euro e tramonto della Lira, anno di Windows 2000, ma anche l’alba più bella per i Ferraristi di tutto il mondo, quella che in ottobre dal Giappone riporta il titolo piloti in Italia dalle mani e piedoni del mitico Michael Schumacher, 21 anni dopo l’ultima volta.

Da tempo aspettavo di raccontarvi questa storia perfetta per questa rubrica, grazie alle nuova idea discografica della Defected e ho trovato ispirazione partendo dal video che linkiamo di seguito che ci vede nuovamente aggregati a ballare e divertirci insieme durante un live:

“If this ain’t love
Se questo non è amore
Why does it feel so good?
P
erché ci si sente così bene?”

Come consuetudine, al finire di ogni viaggio io carico le cuffie e i dischi sulla consolle della Delorean, vi aspetteremo al prossimo giro di giostra di Back2Roots alla scoperta dei solchi scavati dalle radici della Electronic Dance Music.

About Emilio Rinaldi

"AFFAMA L'EGO E NUTRI L'ANIMA"

View all posts by Emilio Rinaldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.