Siamo giunti tristemente al capolinea della nostra esperienza al festival Les Plages Électroniques. Ma le nostre interviste, sempre ricche di nuovi contenuti esclusivi, non finiscono qua. Le nostre Stefania e Giulia stavolta hanno intervistato uno dei membri del collettivo francese Pardon My French: stiamo parlando di Mercer!

Il dj parigino dopo un’intensa estate, il 10 agosto ha fatto tappa a casa sua, in Francia, e si è gentilmente concesso a noi per qualche domanda. In basso trovate come sempre la versione in inglese. Buona lettura! 

  • Ciao Mercer! È arrivato il gran giorno, oggi ti esibirai per la prima volta al festival Les Plages Électroniques. Sei emozionato? Com’è andata la tua estate finora?

Sono molto contento, perché sapevo dell’esistenza di questo festival già da qualche annetto. Sono stato qui due anni fa, con DJ Snake! Ho visto che era un festival bello grande, con una grande produzione a dietro, e un grande palco. Ho sempre voluto suonarci, ed eccomi qui!

La mia estate è andata alla grande, sono stato molto impegnato…ma adoro il mio lavoro, perciò va bene così. Ieri ho suonato a Budapest e stasera gioco in casa qui a Cannes. È fantastico, settimana prossima Ibiza e poi Mykonos!

  • E se ti dicessi: “Made in France”? Come vi è venuta l’idea? Com’è stato far collaborare l’intera Pardon My French?

Il fatto è che collaboriamo tutti insieme da circa vent’anni. Avevamo sempre voluto fare una traccia insieme, e sapevamo che la gente la stava aspettando impaziente. Quindi in realtà avevamo iniziato il brano qualche anno fa, ma non l’avevamo mai finito. Ci abbiamo lavorato sopra ancora e ancora, fino a quando ci siamo detti “Ok, finiamolo e mettiamolo nell’album Carte Blanche!“

  • Abbiamo notato un cambiamento del tuo stile musicale durante gli ultimi anni. Cosa ti ha portato dal fare “Let’s Get Ill” a una traccia come “Your Love”?

Let’s Get Ill per me è ancora Old School House, ed è ciò che a me piace fare: ispirazione e riferimenti old school. Ho voluto dare il mio meglio mettendo insieme il background che ho accumulato negli anni e la musica che ascoltavo quando ero più giovane e durante la mia crescita, con il sound di oggi.

Sta qui la cosa. Infatti, posso dire che Your Love è già più funky.

  • Come descrivi personalmente il tuo ultimo EP “Neo Disco 2”?

È un EP totalmente da club, per i club e per i dj. L’obiettivo di quando fai un EP è portare un concetto universale insieme alla promozione del tuo stile. È ciò che ho voluto fare con “Neo Disco” e “Neo Disco 2”. È come una carta d’identità: fai vedere quello che stai facendo, ma con delle vibes differenti. Quindi il mio ultimo EP è un tipico EP fatto di tracce da club.

  • Cosa ci puoi dire delle tue prossime uscite e collaborazioni?

Ce ne saranno, certamente. Ho appena finito un remix, ma non posso ancora dire per chi. Uscirà il prossimo mese!

___

 

English version 

A totally “Made In France” interview: Mercer tells about himself at Les Plages Électroniques festival

Our experience at Les Plages Électroniques festival sadly came to an end.  But we can’t tell the same of our always rich in new exclusive contents interviews. This time our Stefania and Giulia interviewed one of the Pardon My French members: we’re talking about Mercer!

After an intense summer, the parisian dj came home on August 10th, and  kindly answered to our questions. Enjoy the reading!

  • Hi Mercer! Today is the day of your first appearance at Les Plages Électroniques. Are you excited? How has your summer gone so far?

I’m pretty excited, because I’ve known this festival for some years. I came here two years ago, with DJ Snake! I saw that it was a big festival, with a big production and a big stage. And I wanted to play here, so here I am tonight!

My summer went pretty well, too, I’ve been busy…but I love it, so it’s totally fine. Last night I played in Budapest, tonight here at my home in France. It’s amazing, next week Ibiza and then Mykonos!

  • What if I told you: Made in France? How did you get the idea? How was working all together?

The thing is that we were working all together for like 20 years by now. We had always wanted to do a track all together, we know that people were waiting for it. So we started the track some years ago, actually, but we had never finished it. We worked on it again and again, then in the end we said “Ok, let’s finish it all together, and let’s put it in Carte Blanche! “.

  • We’ve noticed a change of your musical style through the years, right? What brought you from “Let’s get ill” to “Your Love”?

Let’s Get Ill is still Old School House for me, and that’s what I like to do: old school inspiration, old school reference. I wanted to do my best combining the background I’ve had for years and the music I was listening to when I was younger and when I was growing up, with with the sound of today. That’s the thing. In fact, Your Love is funkier. 

  • How do you personally describe your latest EP “Neo Disco 2”?

It’s totally a club EP, for clubs and djs. The goal when you do an EP is to bring a universal concept, along with promoting your style. That’s what I wanted to do with “Neo Disco” and “Neo Disco 2”. It’s like an ID card: you show what you’re doing, with different vibes. So in the end it’s a typical EP made of clubbing tracks.

 

  • Any new releases and collaborations?

Yes, for sure. I just finished a remix, but I can’t tell you who it is for. It will be out next month!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.