PIXELYNX è una nuova impresa incentrata sull’offuscare i confini tra musica, blockchain e giochi. Stiamo costruendo tecnologia e acquisendo quote in una serie di startup che costituiranno le basi di come la musica verrà vissuta nel metaverso.”

PIXELYNX è stato creato dai musicisti Joel Zimmerman alias deadmau5 e Richie Hawtin, nonché dai veterani dell’industria musicale e del gaming Dean Wilson e Ben Turner, fondatore anche dell’International Music Summit, e Inder Phull. Ed è proprio a Ibiza che PIXELYNX ha presentato Metaverse & Web3 Day all’IMS Ibiza durante il secondo giorno al Destino Pacha Resort. È stato un giorno speciale in collaborazione con RCRDSHP, Sensorium, EQ Exchange e CELO. Attraverso discussioni, presentazioni e una guida clinica per principianti, PIXELYNX aveva come obbiettivo di fornire ai delegati dell’IMS Ibiza Summit una comprensione completa di come navigare e sfruttare le opportunità di Web3 e del metaverso, dagli NFT ai DAO alla monetizzazione. Abbiamo avuto l’opportunità, grazie a SpinLab, di intervistare Inder Phull, CEO & Co-founder di questa nuova azienda.

Intervista con Inder Phull

  • In che modo tu e il team PIXELYNX avete creato la miscela per tutti questi diversi campi affinché coesistessero?

Sì, quindi, per prima cosa, non penso che Sandbox o molti altri siano concorrenti, in realtà li vediamo come collaboratori. Abbiamo una partnership con Sandbox e molti altri progetti di metaverse virtuali in cui esploreremo come utilizzare gli NFT e il nostro mondo e gli ecosistemi reciproci. Ma sapete che i nostri obiettivi rimangono su questa idea che giochi e musica si uniranno e daranno forma al futuro dei contenuti interattivi, e il modo in cui i fan vogliono interagire con la musica, pensiamo che cambierà man mano che le esperienze interattive crescano davvero. Quindi l’attenzione rimane davvero su questo e guardando come è possibile creare una nuova piattaforma per gli artisti, per pubblicare la loro musica in modo ce siano in grado di esibirsi, e pensare al gaming sta diventando questa nuova tela per la creatività.

  • Quali sono i passaggi che potresti suggerire a un artista per prepararsi correttamente e poi entrare a far parte di PIXELYNX e quali saranno la politica e le caratteristiche principali?

Sai, i primi pezzi consistono nella creazione di contenuti ed esperienze interattive, quindi stiamo creando strumenti per consentire agli artisti di creare contenuti e NFT che possono essere vissuti su tutto il Web alla realtà, o esperienze desktop basate su browser e che potrebbero essere qualsiasi cosa, dal lancio di prodotti digitali fino all’hosting di concerti virtuali e molti giochi intorno alla musica. L’idea è: uno sta effettivamente creando il contenuto che richiede nuove competenze, aiutiamo i nostri artisti nel processo principalmente come designer 3d, qualcuno che può elaborare il concetto. Una volta che abbiamo l’asset, effettivamente coniarlo sulla blockchain è molto semplice come creare un account Facebook o qualcosa di simile, caricare un file, aggiungere le tue informazioni e compilare un modulo. Abbiamo diversi tipi di risorse, una risorsa è solo merce digitale, quindi i fan possono acquistare magliette virtuali e usare quella risorsa nella nostra piattaforma, ma abbiamo anche una rete di oltre un migliaio di sviluppatori e giocatori, puoi anche indossare quelle risorse nel tuo mondo. Quindi questo è il primo, ma poi abbiamo iniziato a sperimentare nuove idee come se possiedi un NFT nel nostro mondo, che aspetto ha questo NFT in Sandbox? Potrebbe non essere la stessa cosa, potrebbe essere qualcosa di completamente diverso e penso che sia un’idea interessante, perché sarà pensato per creare la stessa risorsa per ogni singolo mondo e avere la stessa utilità, in questo caso, perché ogni gioco sarà leggermente diverso. Quindi l’idea è, se possiedi un Jetpack nel gioco PIXELYNX che è forse un jetpack deadmau5, quando sei nella Sandbox potrebbe essere qualcos’altro. Lo sperimentiamo molto e cerchiamo di pensare a come potrebbe essere utilizzato un NFT con tutti questi spazi diversi.

  • Quanto è difficile lavorare su un progetto ambizioso come PIXELYNX per un nuovo team fresco come il tuo e quali sono i punti chiave della tua azienda?

Per noi è davvero una cosa eccitante, poiché proveniamo da entità multidisciplinari. Persone provenienti dall’industria musicale, dal gaming, dalla blockchain, dall’AI si uniscono, e abbracciamo davvero l’idea del pensiero multidisciplinare. Questo è davvero importante per noi. Coinvolgere persone da tutti quei mondi diversi e non pensare a come sarà il futuro della musica. Sai, faccio musica per divertimento. Penso che la tela come artista per esprimersi non sia limitata, ma è necessario impostare una quantità di strumenti per poterli utilizzare. Puoi usare come TouchDesigner, realizzare il tuo video musicale e magari uno spettacolo dal vivo. Quello che stiamo costruendo oggi è solo un’estensione di queste tele per consentire agli artisti di esprimersi. Questa è solo una nuova dimensione come artista da portare in vita. Abbiamo deadmau5 per esempio, che è un co-fondatore. È un programmatore e sviluppatore oltre ad essere un musicista. Ha lavorato nel motore di gioco per 5-6 anni durante la sua pre-visualizzazione per i suoi spettacoli dal vivo in un motore di gioco! Pensa a come potrebbe essere. Gran parte del nostro obiettivo è solo mostrare agli artisti il ​​potenziale di ciò che il gioco può fare alla creatività e quindi, si spera, ottenere gli strumenti per farli andare oltre con la loro visione.

  • Come pensi che lo streaming musicale e la monetizzazione di affari possano essere gestiti nel Metaverso e in che modo pensi di utilizzare Music NFT nel tuo?

Naturalmente c’è una grande enfasi sull’esperienza e sul consumo di musica. Per noi quello che stiamo guardando è solo: questo non è uno streaming competitivo, questa è solo una dipendenza! Alcuni fan vogliono ascoltare la musica semplicemente lasciandola in sottofondo e non immergendosi. Per noi questo è solo un modo in cui i fan vogliono davvero scavare nella visione dell’artista. Questa è un’opportunità per loro di avvicinarsi a questo. Puoi ascoltare la musica, ma la cosa più importante per noi è che tu possa riprodurre le esperienze che danno vita alla musica. E poi, se vuoi, puoi iniziare a registrare brani di quella musica in un gioco e remixarlo e iniziare a creare la tua variazione personale di quella che potrebbe essere quella canzone attraverso un’interessante meccanica di gioco per telefono. Confrontato con Roblox o Minecraft dove costruisci mondi: gli artisti pubblicheranno la loro musica in file stem nella nostra piattaforma e i fan possono praticamente iniziare a mettere insieme quella canzone in diversi modi. Possono ascoltarlo come dovrebbe essere, ma possono anche portarlo in una direzione diversa attraverso un gameplay divertente. In una fase iniziale abbiamo pensato che fosse “immagina Ableton combinato con Roblox, come sarebbe?”. Stiamo prendendo queste idee fondamentali dalle DAW e dai software di produzione e stiamo cercando di semplificarlo e trasformarlo in un gioco. Non è necessario conoscere nulla della produzione musicale per poter creare e divertirsi.

  • Dove ci sta portando questa nuova era del web3? Opportunità e rischi?

Non credo che ci sarà un’unica piattaforma che definisca come sarà la musica nel metaverso, proprio come nei mondi fisici non c’è un solo festival a cui le persone andranno. Ci sono molti club diversi e festival diversi. Ci saranno molti giochi diversi che le persone creeranno che ti daranno la possibilità di sperimentare la musica in questa nuova dimensione. Vogliamo essere uno dei migliori, ma vogliamo anche creare una struttura informativa che permetta ad altre persone di creare su di essa. E se vuoi creare un gioco musicale diverso da noi, speriamo di creare gli strumenti che ti permettano di portarlo in qualsiasi direzione tu voglia. Quindi l’obiettivo è guidare l’innovazione nell’esperienza musicale interattiva.

  • Lyor Cohen nella sua conversazione con Pete Tong ha detto “Il Web3 è progettato per adattarsi perfettamente solo all’industria musicale”. Sei d’accordo?

100% d’accordo! deadmau5 ha detto in uno dei nostri video che abbiamo postato ieri che per lui Web3 significa libertà per gli artisti. È un’opportunità per ottenere finalmente un maggiore controllo su come la loro musica viene monetizzata, consumata e distribuita. Sono molti anni che cerchiamo questo tipo di soluzione nell’industria musicale, parlando sempre di trasparenza, su come essere sicuri di riavere più soldi. L’industria musicale è così piccola rispetto a film, TV, gaming. Penso che le persone siano eccitate per il Web3 perché sembra una transizione. Sembra il futuro non solo della musica, ma dell’intrattenimento e della cultura nel suo insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.