Ci siamo: dopo ormai 15 mesi di vuoto il mondo degli eventi si prepara a ripartire, complice una massiccia campagna vaccinale che fa ben sperare per poter tornare in pista entro la fine dell’anno; ma com’è la situazione festival e club attuale?

Avrete visto gli esperimenti di Barcellona e, più recentemente, Liverpool, con eventi live in cui tutti i partecipanti sono stati testati e tamponati prima dell’ingresso, per mostrare come il mondo post-coronavirus possa ritornare sicuro anche sul dancefloor, dando risultati che fanno ben sperare.
Nonostante le 5000 presenze di Barcellona non abbiano presentato alcun sintomo nelle settimane successive e nonostante le vaccinazioni a tappeto in UK per raggiungere l’immunità di gregge, molti festival faticano ancora a confermare le proprie date di quest’anno, spesso a causa di mancanza di garanzie statali che possano supportare l’evento in caso di annullamento, lasciando gli organizzatori in un limbo di incertezza.

Non tutto è perduto però! Mentre alcuni festival come Nameless Music Festival  hanno spostato le date a fine estate senza sicurezze da parte del governo, molte realtà in nazioni più avanti con i piani vaccinali possono già aprire i battenti: in primis Creamfields (26-29 Agosto), che ha registrato un sold-out da record, ma anche tutto il circuito di festival UK, tra cui Reading, Leeds, Parklife, Isle of Wight. A breve anche la riapertura dei club sul suolo inglese, con lOrange Yard di Soho che ha già annunciato la lineup per i prossimi mesi (Mike Dunn, Viken Arman, Kevin de Vries, Briana Knauss e Chelina Manuhutu i primi nomi), seguito a ruota da altri locali leggendari come Fabric e Ministry of Sound, attesi per fine Giugno.

Sempre in Europa troviamo Tomorrowland (per ora spostatosi nei weekend del 27-29 Agosto e 3-5 Settembre) e lo storico EXIT Festival in Serbia confermato per l’11 Luglio e con una lineup pazzesca: David Guetta. Dj Snake, Sabaton, MEDUZA, Solomun e l’esclusivo B2B tra Eric Prydz e Four Tet; mentre altre realtà come Sziget e Balaton hanno deciso di rimandare l’evento al 2022. Anche l’ Amsterdam Dance Event sembra essere salvo, confermando la 25esima edizione per Ottobre e supportato da un fondo statale di 300 milioni di euro a fondo perduto in caso di annullamento.

Sul fronte americano la situazione si sta stabilizzando, con i maggiori festival USA pronti a tagliare il nastro di quest’anno (ad esclusione di Ultra Music Festival) come EDC Las Vegas (22-24 Ottobre) ed Electric Zoo (3-5 Settembre).

Si comincia a vedere la luce in fondo al tunnel, ma il clima di incertezza e dubbio in questo periodo sarà il vero collo di bottiglia di un mondo, quello degli eventi, che ha assoluta necessità di ripartire, così come il suo pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.