Situazione sicuramente non facile quella che si sta sviluppando in queste ore nel mondo e in particolare in Italia a causa del Coronavirus.
L’epidemia di COVID-19, ora elevata dall’OMS a “Pandemia Globale”, ha sicuramente cambiato nelle ultime settimane il nostro modo di vivere, fino a relegarci totalmente alle mura domestiche.
E nonostante ognuno debba fare la propria parte seguendo le direttive di governo, stando chiusi in casa e limitando al minimo gli spostamenti e le interazioni sociali, non si può restare impassibili ai vari annunci di annullamento e posticipazione di alcuni tra i migliori eventi musicali (e non) al mondo, per cui numerosissimi ravers attendevano da mesi.

Se il caso più ecclatante in questi giorni è l’annullamento di Tomorrowland Winter sulle Alpi Francesi e dello storico Ultra Music Festivaldi Miami (e conseguente scandalo sul NON rimborso dei biglietti), la lista di eventi vittime di questo Coronavirus è in costante aumento: dal leggendario Coachella, fermo per la prima volta dal 1999 e pronto per essere spostato eccezionalmente a Ottobre, al Reload Music Festival di Torino, fino al Rampage Belgium, la mecca per qualsiasi fan hardstyle e riddim europeo, costretto ad attendere fino a Ottobre per poter recuperare l’occasione.

Ma non solo festival: annullati anche i concerti di Avril Lavigne al Fabrique di Milano, Cage The Elephant, Dope D.O.D., oltre alle ultime date del farewell tour in Italia dei Noisia, a Milano e Bologna; l’intero tour di Dardust e quello di Gemitaiz & Madman vengono spostati in toto, oltre al rinvio di decine di album e film in uscita.

Difficile dire quando tutta la situazione potrà tornare alla normalità, fino al 3 Aprile la nightlife resterà al buio, nella speranza che l’emergenza non si protragga oltre, mettendo in pericolo la prossima stagione estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.