In questo ottavo episodio della rubrica dedicata al sound design ci concentriamo su uno degli artisti più eclettici della scena EDM: Flume.

E’ molto difficile ricreare fedelmente lo stile dell’artista australiano in quanto utilizza anche svariati sample e ogni traccia è differente dalla precedente tuttavia cercheremo di avvicinarci al suo stile di Future Bass creando un synth che possa essere utilizzato per degli accordi.

L’oscillatore del sub va lasciato sulla sinusoide e abbassato di un’ottava, in primo oscillatore principale va lasciato anch’esso inalterato sul dente di sega mentre il secondo va impostato su BSOD_Square che potete trovare nella sezione Analog.

Di tutti e tre va abbassato il livello a 0, per quanto riguarda il primo oscillatore principale andranno alzate le voci a 12 mentre per il secondo andrà selezionata la modalità PulseWithModulation e abbassata al 19%.

Dopo aver messo il Low Frequency Oscillator a 1/8 di rate e selezionato la modalità Trig andremo a modulare i 3 volumi degli oscillatori come si vede in foto.

Il filtro va impostato su reverb che potete trovare nella sezione miscellaneous: il cutoff è impostato a 179 Hz e modulato di 7, la resonance a 72% e il mix da 0 modulato a +86%.

Per quanto riguarda gli effetti i più importanti sono sicuramente l’Hyper/Dimension, un Compressore Multibanda, riverbero e un Filtro passa-basso il cui cut-off viene modulato dallo stesso LFO utilizzato per gli oscillatori e filtro in apertura per pulire un po’ il suono in attacco.

Come sempre la scelta degli effetti è lasciata al gusto personale dell’artista che vuole raggiungere un determinato risultato.

Il seguente esempio è ottenuto con questo synth e altri due layer per riempire diverse bande di frequenza tuttavia costruiti tutti sulla stessa base di partenza mostrata:


 

About Gregorio Citterio

Laureato in Informatica Musicale presso l'Università Statale di Milano, appassionato di musica elettronica e sound design. Autore delle rubriche "Serum Tutorial" e "The Dark Side of EDM".

View all posts by Gregorio Citterio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *