Nessuno si sarebbe mai aspettato che un film della saga “Fast & Furious” sarebbe riuscito a far commuovere i tantissimi spettatori e fan di tutto il mondo, ma proprio così è stato.

Infatti Fast & Furious 7, uscito il 2 aprile nei cinema italiani, è riuscito a strappare molti applausi e anche qualche lacrima ai numerosi fan accorsi per vedere il nuovo film. Tutto questo grazie alla commovente scena finale, ovvero il tributo all’attore Paul Walker deceduto il 30 novembre del 2013 in un incidente stradale presso Los Angeles.

La notorietà per Paul era arrivata proprio grazie alla saga delle auto veloci, dove aveva interpretato il ruolo di Brian O’Conner in ben sei dei sette film girati.

Tutto il cast di “Fast & Furious”, in particolare Vin Diesel l’amico fraterno di Paul sia dentro che fuori dal grande schermo, hanno voluto rendere omaggio all’attore scomparso attraverso la commovente scena finale, che ha riscosso grande successo.

Il trionfo del film e del tributo a Paul è dovuto anche alla spettacolare colonna sonora, ovvero il duetto fra Wiz Khalifa e Charlie Puth “See You Again”. La canzone è diventata rapidamente una hit mondiale, entrando in pochi giorni nelle prime posizioni di svariate classifiche.

Il successo di “See You Again” è garantito da Wiz Khalifa con il suo modo di rappare chiaro e preciso, che lo rende capace di far percepire all’ascoltatore tutte le emozioni presenti nel brano.

Una splendida canzone che permetterà di continuare a tener vivo il ricordo di Paul.
0


  Follow Wiz Khalifa:

www.facebook.com/wizkhalifa

www.youtube.com/user/taylorgangent

www.twitter.com/wizkhalifa

www.instagram.com/mistercap

About Valerio Pennati

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia e laureato in Linguaggi dei Media presso l'Università Cattolica di Milano, collaboro con il Giornale di Lecco e il Giornale di Merate. Sono Responsabile Comunicazione e Ufficio Stampa per la Pallavolo Cisano, società che milita nei campionati di serie A. Appassionato di sport e di musica, sono cresciuto insieme a youBEAT.

View all posts by Valerio Pennati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *