Grande mistero intorno alla persona che si nasconde dietro il nuovo progetto MKSHFT. Questo nuovo dj e producer, di origine indiana, è pronto a portare una ventata di novità all’interno del mondo della musica elettronica.

Della misteriosa persona che si nasconde dietro il nome di MKSHFT conosciamo ben poco, a parte che ama leggere, visitare siti archeologici e soprattutto gli animali e i gadgets! Inoltre sappiamo che MKSHFT ha deciso di dedicarsi completamente alla musica, lasciando la scuola e trasferendosi a Londra per imparare l’arte della produzione con alcuni dei migliori maestri internazionali.

Ecco il misterioso MKSHFT
Ecco il misterioso MKSHFT

Questo nuovo progetto indiano è partito da zero circa una settimana fa con la pubblicazione del primo singolo, intitolato “Omkara”. Il piano di MKSHFT prevede la pubblicazione di 7 nuove tracce in 7 mesi per farsi conoscere a livello internazionale e poi continuare a produrre buona musica e perché no, magari rivelare anche qualche dettaglio in più su di sé. Il primo pezzo “Omkara”, uscito il 3 ottobre, è molto particolare e forse anche qualcosa di mai sentito prima in quanto è un mix tra i suoni della musica tipica indiana e quelli della musica elettronica. Infatti l’idea principale di MKSHFT, che troveremo anche nelle sue successive tracce, è quella di riproporre i suoni Hidustani in chiave moderna: ognuna delle 7 tracce in programma avrà un proprio retroscena legato all’India e alla sua cultura.

La prima traccia “Omkara” è sinonimo di Ganesha, ovvero il Dio indiano della conoscenza, la cui benedizione è ricercata dai fedeli della religione induista per essere aiutati a superare gli ostacoli e completare al meglio i propri compiti. Da Ganesha deriva anche l’immagine della copertina del nuovo singolo visto che nella religione induista Ganesha viene rappresentato con una testa di elefante provvista di una sola zanna, ventre pronunciato e quattro braccia, mentre cavalca o viene servito da un topo, suo veicolo. Sicuramente non è un caso che per il suo primo singolo MKSHFT abbia deciso di affidarsi al dio delle conoscenza per completare al meglio questa sua prima canzone.

MKSHFT - Omkara

Fatte le dovute proporzioni potremmo anche paragonare MKSHFT a KSHMR. Entrambi all’inizio hanno celato la propria identità dietro un velo di mistero e KSHMR solo successivamente è uscito allo scoperto come Niles Hollowell-Dhar. Entrambi hanno origini indiane e attingono alla cultura dell’India per produrre le loro canzoni. Senza dimenticarci che anche i nomi si ricordano un po’ tra loro visto il mancato utilizzo delle vocali.

Se la strada di MKSHFT sarà brillante tanto quella di KSHMR ce lo potrà dire solo il tempo… Ora non resta che seguire da vicino questo nuovo misterioso progetto che, dopo la sorpresa “Omkara”, ha già in caldo nuove e avvincenti produzioni.

di Valerio Pennati


Stream & Download: https://fanlink.to/mkshft-omkara

About Valerio Pennati

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia e laureato in Linguaggi dei Media presso l'Università Cattolica di Milano, collaboro con il Giornale di Lecco e il Giornale di Merate. Sono Responsabile Comunicazione e Ufficio Stampa per la Pallavolo Cisano, società che milita nei campionati di serie A. Appassionato di sport e di musica, sono cresciuto insieme a youBEAT.

View all posts by Valerio Pennati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *