“PER ARRIVARE A CATTURARE LA TIGRE DEVI ESSERE TIGRE, ALTRIMENTI NON CATTURI LA TIGRE, È LA TIGRE CHE CATTURA TE”

Giolì & Assia - Rollercoaster [Ultra Records]
Giolì & Assia – Rollercoaster [Ultra Records]

In occasione del lancio con video del nuovo singolo “Rollercaster” su Ultra Records presentiamo Giolì & Assia, che come agili tigri stanno artigliando la scena indie tech-house spesso feroce e altamente selettiva.

Il duo composto da Giorgia (in arte Giolì) e Assia (nome orientaleggiante poco diffuso, in etimologia greca significa protettrice del popolo, ed il suo modo di fare musica protegge sicuro dalla noia), due ragazze siciliane che si affacciano alle scene internazionali nel 2017 con l’uscita di Stay Closer. Una pietra miliare perché nel giro di pochi mesi le ha rese fenomeno degno di interesse che sta montando di importanza come quando cade una mentina in una bottiglia di coca-cola.

Nominate #28 al mondo nel 2020 da Djanemag.com e #27 nel mondo, #17 in Europa e #3 in Italia da Djane Top , producono principalmente da indipendenti per la loro etichetta DIESIS RECORDS, marcando con fierezza e ricerca di stile le loro tracce dando una forte impronta distintiva composta da melodie classiche e ritmo potente.
Il mix fra strumenti classici, chitarra elettronica e cassa “spigolosa” ha attirato prima l’attenzione del management che fra gli altri annovera anche Robin Schulz gestito dal producer Stefan Dabruck (alla ribalta nei primi anni 2000 con numerose dance-hit) e successivamente nel 2018 la Spinnin’ Records (prima label dance al mondo) che ha scritturato la traccia “Something Special”.

Il connubio Giolì & Assia ha inizio nel 2016 ed è l’incontro artistico tra due personalità diverse con un bagaglio musicale e produttivo per certi versi opposto: la prima è un eccellente pianista, appassionata di Ludovico Einaudi e Debussy ed era la manager della seconda che è un’eclettica dj appassionata di chitarra ma anche singer dalla voce graffiante quasi dark-rock; il risultato è un compromesso elegante ed incisivo capace di produrre tracce uniche, remix imprevedibili e live magnetici. Ascoltarle e vederle all’opera è un’esperienza piacevole, sprizzano complicità umana e professionale contagiosa, il loro essere polistrumentiste diventa una trasfusione continua di suoni diametralmente opposti ma amalgamati con gusto.

Giolì & Assia
Giolì & Assia

L’itinerario artistico del duo ha trovato strada tramite Spotify, il canale utilizzato per raccogliere rapidi consensi dalla pubblicazione delle loro tracce (prodotte utilizzando principalmente Logic Pro), fino alla pubblicazione dell’album “Istantanee” lanciato nel 2018 dal singolo “Starry Night” live al festival Indiano TimeOut72. Nello stesso anno sono state scelte dai Negramaro per i dj-set di apertura del loro tour che le ha fatte conoscere anche agli italiani poco avvezzi alla musica elettronica.
Il resto è storia attualissima e precedente allo stop forzato delle discoteche e dei festival: la residenza estiva al SuperMartXè del Privilege di Ibiza (uno dei locali più grandi, rinomati e ambiti al mondo), ma anche la presenza costante nei tabelloni degli eventi delle etichette e dei promoter dei migliori festival internazionali.
Proprio dall’esperienza dei live, Giolì & Assia hanno voluto creare dal 2019 un concept di eventi live streaming DIESIS LIVE, sulla falsa riga dell’idea del team di Cercle, ma molto più originale e facente risaltare la scenografia naturale e la musica democraticamente, per tutti gli utenti on line senza limiti di adesione e costi.
I Disesis Live andati in onda fino ad oggi visibili su YouTube insieme ai Diesis Lounge (risalenti al lockdown), sono stati suonati e girati dalle location più esclusive e ricercate della loro amata Sicilia: dall’Isola delle Femmine – dal cratere dell’Etna – dal Teatro di Andromeda – dai ruderi antichi di Milazzo o da una barca in mare con vista sulla costiera frastagliata di Scopello (sponsorizzato dalla ULTRA RECORDS) e l’ultimo strepitoso dalla costa calcarea di Punta Bianca durante il quale hanno suonato per la prima volta proprio “Rollercoaster”.


La forza e l’esclusività del concept live sta nel mettere in mostra tutta la bellezza delle location scelte con cura, tramite l’ausilio di droni e luci led sapientemente collocate e manovrate a ritmo. L’atmosfera è piena di energia positiva e coinvolgente, ma è resa elegante dalla presenza sensuale e raffinata delle due ragazze che hanno movenze, look e trucco fine – mai sofisticato o volgare ma unico ed inimitabile proprio come l’arte sonora espressa destreggiandosi fra percussioni, tastiere, desk e monitor. I set delle due artiste della Trinacria sono fatti di produzioni proprie, remake originali ed il giusto equilibrio fra producer emergenti e remixer affermati.


Rollercoaster è una traccia melodic-techno forte e raffinata, molto più dark di altre produzioni, ma è versatile da “adoperare” durante un set, utile per riattivare i dancer durante una lunga live session, per partire forte se si vuole essere audaci o chiudere in energia per lasciare l’effetto wow; la sensibilità di scelta la lasciamo al talento dei dj che ne faranno tesoro e sapiente uso durante le “montagne russe” di un live.
Sicuramente in Rollercoaster per la prima volta non si vede il segno particolare della maggioranza delle opere di Giolì & Assia: l’HANDPAN (il battiloro degli orientali), è uno strumento a percussione idiofono capace di calamitare e rilassarti se suonato con esperienza, delicatezza e talento.
La creatività di queste due ragazze, armonizza tale strumento in un’esibizione già caratterizzata da Giolì che suona il piano, il violoncello, la batteria, la chitarra e Assia che si occupa delle funzioni vocali soliste oltre che della chitarra e dei mixer. Solo Monolink e Jan Blomqwist fanno qualcosa di simile attualmente!

 

La risultante artistica è qualcosa di non semplice inquadratura in un’epoca che esige schemi e differenziazioni, di questo mondo fa parte il microcosmo del clubbing e della musica elettronica, complesso di infiniti insiemi bigotti e sottogeneri elettronici: GIOLì & ASSIA per merito della loro poliedricità musicale ed artistica entrano di diritto in ognuno dei generi esistenti, ma per l’originalità di idee, il talento ed il coraggio espressivo/produttivo hanno creato una miscela musicale nuova, chiamatelo Diesis o Gioli & Assia style oppure lasciatevi ammaliare e trascinare dal loro ritmo pensando se (e come) etichettare gloriosamente questo nuovo genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *