youBEAT®

Intervista a Etna Music Festival per il primo evento a Catania

Per la prima volta a Catania arriva Etna Music Festival, con una Spring Edition piena di novità. La line up ha visto esibirsi non pochi artisti della zona, ma soprattutto dei veri special guests quali: Angemi, Merk&Kremont e Bisbetic

Etna Music Festival – Spring Edition

Tanto divertimento, e ha fatto la sua comparsa come “mascotte” dell’evento anche il ragazzino di “Saluta Andonio” che con i suoi video virali è diventato famoso.

Un post condiviso da Etna Music Festival (@etnamusicfestival) in data:

Un post condiviso da Etna Music Festival (@etnamusicfestival) in data:

Scopriamo insieme il neo-progetto Etna Music Festival con l’intervista della nostra reporter Agnese Bonanno a Giuseppe Laudani, fondatore del festival.


Come nasce il progetto Etna Music Festival?

Nasce nel 2012 da una strategia di marketing proponendo un prodotto nuovo con una location alternativa: il Rifugio Sapienza alle porte dell’Etna. Il comune di Nicolosi da al progetto il patrocinio con il fine di risaltarne le sue risorse. ‘Mettersi in gioco’ è stato il nostro motto sin dall’inizio, nonostante non sia stato facile conciliare ed approvare tutte le idee. Cresciamo anno dopo anno e siamo pronti a sfidare noi stessi e la concorrenza.

Qual è lo scenario EDM nella Sicilia orientale? 

Vi è la convinzione che in Sicilia non ci sia una cultura musicale soprattutto nel genere trattato, ma abbiamo visto nascere e crescere tanti progetti che nel tempo non hanno mai cambiato format. L’idea principale è sempre stata quella di offrire al pubblico divertimento e qualità nonostante i budget ridotti e l’assenza di sponsor concreti. Evidente è la battaglia ancora in corso che da più fronti vede protagonisti gli amanti del trash, del reggaeton e in parallelo tutto il mondo EDM e techno. Siamo quindi difronte ad una cultura non ben definita.

A livello economico cosa vuol dire organizzare un festival? Quali sono le spese, i guadagni e le perdite? Che tipo di responsabilità ci sono? 

Organizzare un evento della portata dell’EMF non è semplice. Oltre all’impegno economico iniziale è necessaria un grande esperienza tecnico-organizzativa, ed è per questo che, come in ogni festival, bisogna selezionare uno STAFF preparato in questo settore. Le spese sono molteplici, oltre a quelle di promozione come volantinaggio e cartellonista, le più ingenti da sostenere sono sicuramente quelle relative alla parte artistica come il cachet per gli ospiti (Djs, vocalist etc.), per il service, cioè l’insieme delle componenti audio e video che contribuiscono a rendere il nostro evento unico nel suo genere. Inoltre curiamo molto il dettaglio sonoro e scenico ed in assoluto la struttura che ospita l’evento che nel caso del 10 Agosto viene all’astista un’arena studiata ad hoc e questo ha senza alcun dubbio un costo elevatissimo. Come in ogni investimento possono esserci delle perdite e questo sostanzialmente si configura al verificarsi dell’incognita del meteo avverso essendo uno spettacolo all’aperto; delle condizioni climatiche ostili comporterebbero quindi l’annullamento dell’evento stesso, causando la perdita delle spese anticipatamente sostenute. La responsabilità principale che grava in eventi così importanti è la sicurezza per migliaia di persone e dunque personale altamente qualificato in pubblica sicurezza ed antincendio e delle strutture adeguate sono la nostra priorità.

Etna Music Festival – Spring Edition per la prima volta a Catania perché questa scelta?

L’ambiziosa scelta di organizzare a Catania una Spring Edition dell’EMF è di tipo promozionale, far conoscere meglio il nostro forma e proiettare il pubblico a ciò che speriamo sia l’evento dell’estate 2017.

Una grande possibilità per i nuovi talenti è stato il Contest indetto proprio da voi, ma ha riscosso delle critiche. Questo è il momento giusto per smentirle tutte!

Il contest nasce per dar la possibilità ai nuovi talenti dj/producer di mettersi in gioco e di esibirsi con artisti come Angemi, M&K e Bisbetic. Un’esperienza che ha fatto crescere loro e la loro carriera musicale. I concorrenti hanno proposto big room, trap, future house e tropical spaziando così nell’EDM. Con una giuria d’eccezione sono stati decretati, con non molta semplicità, i due vincitori che si sono distinti tra i dieci finalisti in base alla tecnica e alla selezione musicale: Felis & Shaz e Chipmunks. Sì ci sono state mosse molte critiche, ma il contest è stato impostato nella massima neutralità e rispetto dei partecipanti.

Si dice in giro che l’evento ufficiale dell’EMF di  Agosto sarà una delle edizioni mai viste prima. Qualche anticipazione per i lettori di youBEAT?

Andremo a migliorare tutti gli aspetti tecnici, aumenteremo la sicurezza e cercheremo di gestire meglio la viabilità. Per quanto riguarda gli Special Guests del festival ancora non vi è alcun nome, anche se in ‘cantiere’ ce ne sono più di uno tra artisti nazionali e internazionali. Un’anticipazione inedita solo per youBEAT? Il fuoco sarà il tema dell’Etna Music Festival 2017.

“Amore, dedizione, prospettiva e futuro sono gli ingredienti necessari che servono a rendere unico il nostro progetto.

L’#EMF17 sarà il connubio di tutti quei ingredienti che renderanno l’edizione estiva più spettacolare e bella di sempre”


 

Bonanno Agnese

Vai alla barra degli strumenti