Per la decima puntata della nostra rubrica “youBEAT Racconta” abbiamo deciso di fare una sorpresa raccontando proprio la storia di youBEAT dal 2012 ad oggi.

Un modo per far scoprire youBEAT a chi ancora non lo conosce o a chi è entrato a contatto da poco con questa realtà o semplicemente a chi vuole sapere come è nata l’idea e cosa ci sia dietro a questo progetto tutto italiano.
Per portarvi dentro il mondo di youBEAT ho intervistato il fondatore Matteo Villa, che dal 2012 sviluppa e promuove il suo network musicale.

youbeat-si-racconta-Luglio-2016

Per cominciare la storia dobbiamo partire da una breve premessa: Che cos’è youBEAT?

youBEAT è un network italiano che, dal 2012, promuove musica dance e elettronica a 360° nel mondo, partendo dal territorio italiano per quanto riguarda eventi e giovani talenti.
Negli anni questo progetto ha preso diverse sfaccettature nell’ambito della pubblicità musicale attraverso i media, oggetto degli studi universitari del fondatore Matteo Villa.

youBEAT nasce il 26 febbraio 2012 dall’idea del fondatore Matteo Villa, un giovane ragazzo appassionato di musica sin da piccolo.
Partito da una breve esperienza come dj in occasione di feste private con amici, Matteo vuole ricercare e promuovere nuova musica, condividerla con il numero maggiore di persone ed amici possibile.
Cosi nasce New Music., una prima pagina su Facebook con questo preciso scopo che condivideva novità musicali in lingua inglese.

Molto interessante è la nascita del nome particolare ed originale, anch’esso in lingua inglese, come raccontato dal fondatore Matteo Villa.
“Il nome youBEAT prende spunto da un vecchio blog che seguivo molto, ma che ora non esiste più… Il nome è composto da you, ovvero tu/voi, e beat, ovvero il battito, ma anche inteso come il verbo “valere”, “vincere”.

Anche il logo vede diverse evoluzioni, a partire da un primo geometrico per poi passare ad uno più artistico e per finire poi con il marchio registrato ufficiale.
YouBeat Nero sfondo bianco fvew

All’inizio youBEAT è nato come pagina Facebook collegato ad un piccolo gruppo su WhatsApp, “Importante per la crescita del progetto poichè raccoglieva giovani djs e appassionati solo della mia zona, quindi della Brianza.
Successivamente il gruppo ha iniziato ad espandersi, coinvolgendo sempre più produttori e dj anche di altre zone d’Italia”
.
La creazione di nuovi appuntamenti e rubriche come la prima release esclusiva su Soundcloud nel 2014 e sempre nello stesso anno anche il primo youBEAT Deejay Contest al JetClub di Cermenate hanno contribuito a creare una piccola base solida che ha cominciato a permettere i primi eventi ed incontri.
Sempre nel 2014 la grande passione per la musica di Matteo Villa lo spinge ad organizzare la prima youBEAT reunion con tutti i membri del gruppo di What’sApp.
img_1510

A fine 2014 viene pubblicato anche uno speciale EP, il YB EndOf2014 Free EP, per ringraziare tutti i numerosi fans che seguono con affetto la pagina Facebook e le molto attività organizzate.

Fondamentale nella crescita del blog è la creazione del sito youbeat.net e la pubblicazione dei primi articoli e contenuti in inglese. Successivamente Matteo decide di focalizzarsi più sulla promozione del blog in Italia.

“Mi sono voluto focalizzare di più sull’Italia visto che tutti i giovani talenti del gruppo su What’s App erano italiani. Ho deciso anche di ispirarmi ai più grandi colossi internazionali e quindi ho deciso di farmi conoscere prima nel mio paese. Così ho messo un attimo in stand by youbeat.net e ho dato vita nel 2015 a youbeat.it e ad una redazione, che si occupa di scrivere contenuti e trattare eventi e fatti tutti italiani”.

Ad inizio 2015 la pagina Facebook raggiunge e supera i 10.000 likes e si completa la registrazione del marchio youBEAT®, un’evoluzione del logo precedente sviluppata insieme ad un giovane amico designer.
youbeat
In occasione del 3° anno di youBEAT e dei 10.000 likes sulla pagina FB ufficiale il fondatore Matteo Villa ha organizzato un piccolo evento showcase in cui si sono esibiti diversi giovani djs.
Questa è ormai una piacevole tradizione visto che per gli anniversari organizza degli eventi o show case per tutti i djs di youBEAT.

Lo sviluppo sul territorio di youBEAT permette a Matteo di entrare in contatto con diversi uffici stampa ed etichette, tra cui la major Universal Music che gli da l’opportunitá di intervistare Zedd.

yb x Zedd

youBEAT così inizia a diventare una realtà nel grande panorama dei blog italiani e iniziano anche le prime importanti collaborazioni.
Il fondatore Matteo Villa partecipa all’edizione 2015 del Nameless Music Festival e youBEAT è media partner di diversi eventi singoli come PleasureLand di Ravenna o stagioni continuative come il VISION di Varese e l’ eXperience di Vicenza.
Da ricordare anche lo youBEAT reunion festival al Domus Space di Milano, piccola esperienza dove si sono esibiti più di 15 giovane djs di youBEAT sul secondo stage del Summer Festival.

Pian piano anche i contenuti  sulla pagina iniziano ad aumentare e ad attrarre sempre più fans. Nascono anche appuntamenti fissi come quello delle youBEAT Sessions, che ormai hanno raggiunto il 90esimo appuntamento e che viene riprodotto da diverse importanti web radio. Dalla #91, che vede come special guests i Promise Land, le #yBSessions sbarcano anche su FM, grazie alla collaborazione con Canal FM.
iojoijoi

Insieme ai contenuti sulla pagina si sviluppano anche quelli del sito con interviste esclusive e diverse rubriche originali, tra cui anche la nostra “youBEAT racconta”, nata nell’ottobre del 2015.

Successivamente arrivano altre importanti partnerships esterne, tra cui quella con NOX Production & Communication e quella con Leandro Da Silva per il programma Hashtag M2O con interventi settimanali del fondatore Matteo Villa. Da ricordare anche quella con Castle Street Food, dove Matteo ha dato la possibilità ad alcuni giovani djs di suonare in alcuni dei castelli più belli d’Italia. Una delle ultime importanti collaborazioni in ordine cronologico è quella con la realtà italiana DBMafia.

yb x m2o

Ad inizio 2016 youBEAT festeggia il suo quarto anniversario e continua a crescere in maniera esponenziale. Si rinnovano le partnership con PopFest e in particolare con Nameless Music Festival. Qui Matteo tiene delle piccole interviste, le youBEAT Flash Interviews, intervistando i numerosi artisti che hanno calcato il palco di uno dei più importanti festival italiani. Da sottolineare la collaborazione con il videomaker e fotografo Marco Capedri, fondatore di Capedit e partner di youBEAT per questo e per altri precedenti eventi.

yb x nmf

La collaborazione con il Nameless ha permesso a Matteo Villa di intervistare anche Alesso, uno dei più importanti dj e produttori a livello mondiale.
Poco prima della sua esibizione, che ha concluso il day 2 di Nameless 2016, Matteo ha avuto modo di fare una breve chiacchierata con il grande artista svedese.

yb x adesso

Negli ultimi mesi il fondatore Matteo Villa ha iniziato a seguire e collaborare con alcuni importanti artisti come social manager e press agent.
Tra questi citiamo l’artista italiano HIISAK, sempre più sotto i riflettori internazionali con le sue produzioni e collaborazioni ed il dj svizzero Alessandro Kraus, noto sia in Italia sia all’estero con diversi progetti di produzione molto particolari ed interessanti.

yb x Hiisak10398545_10206225363695533_515111398438908098_n

Siamo giunti alla fine del nostro viaggio “dietro le quinte” di questo giovane progetto italiano.
Per concludere lasciamo una frase del fondatore Matteo Villa inserita nella sua tesina di maturità, che racchiude tutta l’essenza di youBEAT. 

“youBEAT è il manifesto della mia passione per la condivisione e promozione musicale”

di Valerio Pennati

Matteo Villa x yb

About Valerio Pennati

Giornalista pubblicista e studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere (corso di Linguaggio dei Media) presso l’Università Cattolica di Milano. Collaboro con la Redazione sportiva del “Giornale di Merate”, settimanale locale in provincia di Lecco. Appassionato di musica e di sport scrivo anche per “Agenti Anonimi”, sito di notizie legate al mondo del calcio. Follow me on Twitter!

View all posts by Valerio Pennati