Salutati gli Swedish House Mafia e la Svezia, ci spostiamo in un paese più caldo: più precisamente a Sydney in Australia. Questa volta dobbiamo assolutamente prendere l’aereo e dopo quasi 21 ore di volo, passando per tre continenti e attraversando un oceano, arriviamo nella “terra dei canguri” che ha dato i natali a Timothy Jude Smith, conosciuto meglio come Timmy Trumpet!

12765785_10206064947245222_2090577659_o

Timothy nasce a Sydney e da subito muove i primi passi nel mondo della musica classica. Proprio grazie a questa passione, in particolare per la famiglia degli “ottoni”, inizia a frequentare il Conservatorio di Musica di Sydney. Timothy in questi anni perfeziona sempre di più l’utilizzo della tromba e diventata uno dei migliori del suo corso nell’utilizzo di questo strumento. Le capacità del giovane Timmy si migliorano grazie anche a delle collaborazioni con l’Orchestra Sinfonica di Sydney “Anthony Heinrich”.

L’avventura di Timothy al Conservatorio si interrompe al nono anno, dopo che lo stesso Timmy suonò, senza motivo, un allarme antincendio. Questa piccola “chicca” è stata rivelata dallo stesso Timmy Trumpet in un’intervista, dove ha anche fatto vedere come il suo passaggio alla scuola pubblica sia stato molto positivo, perché gli ha permesso di appassionarsi sempre di più alla musica Jazz.

Timothy però capisce di non essere ancora sulla strada giusta e questa gli si para davanti, quando subisce diverse influenze house. Nel 2007 così Timothy inizia la sua carriera da dj, con l’a.k.a. di Timmy Trumpet, proprio perché anche in questa sua nuova avventura non vuole abbondare lo strumento con il quale ha passato tutta la sua vita.

timmy trumpet

Timmy Trumpet così entra prepotentemente nella scena internazionale, grazie ai suoi nuovi suoni e ad un particolare che nessuno aveva proposto fino a quel momento: Timmy durante i suoi live show suona la tromba sopra a tracce di musica house, dance o elettronica. Questo particolare ha iniziato a rendere famoso Timmy in tutto il mondo, perché nessuno aveva mai suonato strumenti dal vivo per accompagnare dei dj set.

Così Timothy inizia ad attirare l’attenzione di alcuni importanti dj internazionali, come Armin Van Buuren, Carl Cox, Fedde le Grand, Dizzee Rascal, Fatboy Slim e diversi altri…

La fama internazionale di Timmy inizia a crescere grazie anche alla sua vena da producer. Nel 2009 il dj australiano realizza i singoli “Sunrise”, “Nothing Between Us” e “Sunset” che escono tutte sull’etichetta Central Station Recordings. A partire dal 2010 Timmy ha prodotto anche due album estivi per la discoteca Pacha di Ibizia, in cui ha incluso anche la sua traccia “Tromba Ye Ye Ye”.

Nel 2011 continua il successo di Timmy Trumpet con “Horny”, pubblicato sull’etichetta Onelove e con “Trrrumpet”, uscita sulla famosa label inglese Ministry of Sound. Timmy così ha anche intrapreso un tour in tutta Australia per promuovere la sua EP “Trrrumpet”.

Il 2013 di Timmy Trumpet è contrassegnato da altre due importanti uscite: “Bleed” sull’etichetta Monstercat e “Melbournia” in omaggio allo sviluppo in quegli anni della Melbourne Bounce, proprio nell’omonima città australiana. L’ascesa nel panorama dei più grandi dj internazionali per Timmy arriva nel 2014 con la pubblicazione del suo singolo più famoso “Freaks”. Il singolo in collaborazione con il rapper Savage ha raggiunto il terzo posto nella classifica australiana e il primo in quella neozelandese. Inoltre Timmy ha vinto ben 4 dischi di Platino in Australia e 3 in Nuova Zelanda. In quello stesso anno Timmy ha pubblicato altri due singoli, “The Buzz” e “Nightmare“, sull’etichetta di Sander van Doorn, ovvero la Doorn Records.

freaks

La fama di Timothy, grazie al singolo “Freaks”, gli permette di girare il mondo per esibirsi sui i più grandi palchi e nei migliori locali internazionali. I viaggi di Timmy lo portano anche in Italia: importante l’esibizione nel 2015 sul palco del Nameless Music Festival, dove ha fatto vedere a tutta Italia il suo stile, suonando la tromba dal vivo sopra tracce di musica house.

Il 2015 è costellato anche da altre produzioni importanti. Su tutte spicca “Toca”, insieme a Kshmr e Carnage. Singolo che rispecchia al meglio le sonorità dei tre dj con parti di tromba e altre che richiamo i suoni di Kshmr, vero e proprio dj rivelazione del 2015. Questo è anche l’anno di una seconda importante collaborazione con un’altro mostro sacro della Melbourne bounce, ovvero Will Sparks. I due dj australiani hanno dato vita al singolo “Roma”, che rispecchia al meglio le sonorità bounce dei due e ha ottenuto subito un grande successo.

Come se non bastasse Timmy si è messo anche in proprio facendo uscire due singoli sempre sull’etichetta Ministry of Sound. Il primo è “Hipsta” insieme a Chardy, con il quale ha raggiunto il 34^ posto nella classifica australiana. Il secondo invece è il pezzo “Mantra” con il quale Timmy ha espresso ancora una volta tutto il meglio delle sue sonorità.

timmy live

Il suo stile nuovo combinato con le sue grandi produzioni hanno permesso a Timmy Trumpet di diventare uno dei dj più acclamati d’Australia, tanto che è stato eletto il dj numero uno in Australia dagli “inthemix DJ Awards” nel 2015. Inoltre sempre nello stesso anno è stato classificato nei primi tre dj più importanti in Australia dagli “ITM pool”.

Timmy Trumpet è anche chiamato il “dj più impegnato d’Australia”, visto che prende circa 7 voli ogni settimana per raggiungere tutte le parti del mondo. Timmy, infatti, partecipa a circa 200 live shows l’anno nei più grandi club e nei maggiori festival internazionali.

Trumpet

Siamo giunti alla fine della storia del giovane Timothy, che ha rivoluzionato in parte il mondo della musica house proponendo qualcosa che non si era mai visto prima del suo arrivo: un mix tra strumenti musicali e consolle da dj. Timmy avrà ancora molto da dire durante la sua carriera, che è solo all’inizio, ma il suo talento gli ha già permesso di raggiungere l’olimpo dei più grandi dj internazionali…


Valerio Pennati

About Valerio Pennati

Giornalista pubblicista e studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere (corso di Linguaggio dei Media) presso l’Università Cattolica di Milano. Collaboro con la Redazione sportiva del “Giornale di Merate”, settimanale locale in provincia di Lecco. Appassionato di musica e di sport scrivo anche per “Agenti Anonimi”, sito di notizie legate al mondo del calcio. Follow me on Twitter!

View all posts by Valerio Pennati