Chiuso il capitolo della puntata speciale (leggi qui) dedicata ai giovani talenti italiani, ritorniamo alla normalità con una nuova puntata della rubrica “youBEAT racconta”.
Salutati i nostri talenti nostrani e l’Italia ci spostiamo negli Stati Uniti per andare alla scoperta di un personaggio molto misterioso, con la maschera a forma dell’omonimo dolce gommoso.
Stiamo parlando dell’artista americano marshmello!

youBEAT racconta: marshmello
youBEAT racconta: marshmello

Raccontare la storia di marshmello non è sicuramente semplice visto che il “fenomeno marshmello” è scoppiato in meno di un anno: con poche, ma fenomenali produzioni e una maschera elettronica a forma dell’omonimo dolce gommoso, il misterioso dj ha in poco tempo conquistato la scena musicale internazionale, in particolare quella americana.
La cosa più speciale, ovviamente oltre a delle ottime release, è il fatto che nessuno sa chi sia. Quindi nel nostro viaggio alla scoperta del misterioso marshmello dobbiamo partire innanzitutto dalla sua presunta identità.

CHI SI NASCONDE DIETRO LA MASCHERA? Di ipotesi ne sono state fatte tante: da chi dice che dietro alla maschera si possa nascondere l’attuale dj numero uno al mondo, Martin Garrix, per alcune movenze simili e il richiamo dei simboli dei loghi dei due dj, a chi per qualche momento ha pensato ci fosse la mano di Tiesto visto che il dj olandese all’Electric Daisy Carnival di Las Vegas del 2016 si è presentato sul palco vestito come marshmello e togliendosi la maschera ha lasciato tutti i presenti di stucco… ovviamente poi lo stesso Tiesto ha rivelato che l’esibizione si trattava di una semplice trovata pubblicitaria.

Tiesto

L’ipotesi più probabile e verificata è quella che vede il produttore statunitense Dotcom celarsi dietro la maschera di marshmello.
Lo scorso marzo, infatti, su tutti i social network sono circolate delle foto che hanno rivelato un indizio schiacciante sulla presunta identità del misterioso dj.
Una di queste foto lo ritrae vestito con il suo tipico completo bianco e la sua classica maschera, con uno strappo sui pantaloni che lascia intravedere un tatuaggio sulla coscia. Ebbene, il produttore statunitense Dotcom possiede lo stesso identico tatuaggio e per giunta nello stesso identico punto. Il paragone si andrebbe ad aggiungere al fatto che entrambi hanno lo stesso nome, la stessa data di compleanno (19 maggio) e un simile stile musicale.
Inoltre se a questo aggiungiamo anche il fatto che Dotcom è gestito dallo stesso team di Skrillex con cui marshmello è molto legato… rimangono sicuramente pochi dubbi.

Collage marshmello vs dotcom

Conclusa la dovuta premessa sulla possibile identità del misterioso dj facciamo un salto indietro nel tempo al 2015, quando sulla pagina soundcloud di un praticamente sconosciuto marshmello viene pubblicata la sua prima canzone, ovvero il singolo “WaVeZ”.
Questo fatto segna la nascita di marshmello e l’inizio della sua scalata verso il successo internazionale. Nel 2015 arriva anche la notorietà grazie al remix di “Where are U now” di Jack U e Justin Bieber e a quelli dei successi di Zedd, “I want you to know” e “Beautiful now”.

Il 2015 è anche l’anno di uno dei suoi singoli più conosciuti, ovvero “Keep It Mello” collaborazione con il rapper Omar Linx. A lanciarlo e supportarlo più di altri nella scena è il grande network Monstercat.
Inoltre quest’ultimo sarà uno dei due singoli estratti dal primo album in studio del produttore statunitense, intitolato “Joytime”. L’album contiene ben 10 canzoni ed è uscito l’8 gennaio 2016 sulla sua etichetta Joytime Collective: in un solo giorno “Joytime” ha raggiunto la prima posizione nella classifica di iTunes degli album di musica elettronica ed è rimasto in classifica per lunghissimo tempo, tanto che a luglio lo potevamo trovare in 12esima posizione.

marshmallow of the United States
marshmallow of the United States

Il 2016 è l’anno della completa consacrazione per marshmello grazie anche a numerosi tour che lo portano ad esibirsi nei più importanti festival internazionali. Oltre al primo album già citato, il misterioso dj da vita anche a numerosi singoli di grande successo: tra questi ricordiamo sicuramente “Want U 2” (secondo singolo estratto dall’album “Joytime”), “Colour”, “Alone”, “Magic” e “Freal Luv”.

Tutti questi numerosi successi hanno permesso a marshmello di entrare direttamente nella classifica più importante per i djs, ovvero la Dj Mag Top 100 Djs 2016.
Il misterioso americano, grazie ai voti di tutti i suoi fans, è riuscito a piazzarsi al 28esimo posto di questa speciale classifica e ha conquistato il premio per la più alta “new entry” del 2016.

marshmello - #28 DJ Mag Top 100 DJs 2016
marshmello – #28 DJ Mag Top 100 DJs 2016

Infine arriviamo a circa un mese fa con marshmello che pubblica il suo l’ultimo singolo in ordine di tempo, ovvero il successo “Ritual” in collaborazione con il cantante americano Wrabel.
Proprio poco prima dell’uscita di questa sua ultima canzone, il dj statunitense ha annunciato su Twitter il suo Ritual Tour, partito il 30 settembre e che lo terrà impegnato fino al 21 gennaio 2017.
In questi mesi marshmello avrà la possibilità di esibirsi in numerosi nazioni, tra cui la sua America, oltre a Cina, Corea, India, Paraguay e molte altre, con numerose date che hanno già registrato il sold out!

marshmello live

Siamo così giunti alla fine di questo viaggio nella breve, ma splendida carriera di marshmello.
Le sorprese per tutti i suoi numerosi fans, ovvero la sua mellogang, però non sono ancora finite: infatti il misterioso dj ha in cantiere altre fantastiche release, tra cui molto probabilmente anche una particolare collaborazione con il grande amico Skrillex.

Ci sono ancora tantissime pagine da scrivere nella storia di marshmello…

a cura di Valerio Pennati
(Twitter: @ValerioPennati)

marshmello & Skrillex

About Valerio Pennati

Giornalista pubblicista e studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere (corso di Linguaggio dei Media) presso l’Università Cattolica di Milano. Collaboro con la Redazione sportiva del “Giornale di Merate”, settimanale locale in provincia di Lecco. Appassionato di musica e di sport scrivo anche per “Agenti Anonimi”, sito di notizie legate al mondo del calcio. Follow me on Twitter!

View all posts by Valerio Pennati