fghAffrontiamo una discussione che da anni divide il pubblico amante della musica dance/elettronica: le uniche classifiche degne di nota all’interno del mondo EDM si basano sui soli voti dei fan.

Questa tipologia di votazione scatena ogni anno un’ incredibile ondata di lamentele che si protraggono fino all’uscita della successiva classifica. Insomma, tra accuse di imbroglio, discussioni riguardo la veridicità delle TOP 5 e fazioni di fan che si scontrano, ci troviamo costantemente in mezzo a “Tweet scomodi” molte volte mandati dagli stessi artisti.

Per non cadere nel classico esempio di classifica che genera confusione a non finire ed evitare di scrivere pareri già sentiti e scontati non citerò la TOP100 Djs, che tuttavia potrebbe anche dare buoni spunti di riflessione, ma farò il punto della situazione riguardo ad una TOP5 uscita da poche settimane e che per molti potrebbe essere passata inosservata: la TOP5 Trap Artists of 2016 stilata da un famoso blog EDM.

Siamo infatti solo a metà 2016, ma abbiamo già visto il rilascio di alcuni dei lavori più incredibili delle rispettive carriere di diversi produttori della scena Trap. L’evoluzione di questo genere negli ultimi anni ci ha regalato alcune tra le produzioni più creative della musica elettronica non passando mai di moda essendo uno dei movimenti più amati dai fan.

Queste sono le Posizioni:

5. HEROBUST

Per coloro che non seguono il genere può essere un artista anonimo ma vi consiglio caldamente di andare a sentire qualche sua produzione perchè sforna una quantità di “bangers” anomala.

Il suo EP “Im Aloud” è stato rilasciato attraverso Mad Decent tre mesi fa, ed è rimasto uno dei più fluidi e ben prodotti dischi dell’anno: “Skurt Reynolds” è un esempio della genialità di questo produttore che mischia sonorità Trap, Hip Hop e Future Bass in un’unica canzone.

4. DJ Snake

Non credo abbia bisogno di presentazioni, sicuramente uno dei produttori più incisivi degli ultimi anni. Con singoli come “You Know You Like It” e “Bird Machine” ha ricevuto credito internazionale e ha aperto il 2016 con la produzione più suonata all’UMF, “Propaganda“.

3. NGHTMRE

Altro nome che sicuramente non può esservi passato inosservato. Quando si tratta di “bombe da festival” date un’occhiata ai suoi singoli perchè questo produttore ha molto con cui stupirvi.

Il suo EP “NGHTMRE“, uscito all’inizio di quest’anno, contiene alcuni dei brani più esplosivi e memorabili della sua carriera; inoltre ha ricevuto riconoscimento internazionale collaborando con Dillon Francis e remixando tracce di artisti del calibro di Tommy Trash.

2. Mr. Carmack

Decisamente il più enigmatico della top: le sue produzioni sono molto particolari e possono non risultare entusiasmanti al primo approccio ma dategli una seconda possibilità e impazzirete per lui.

Inoltre è un artista che ha fatto anche molto parlare di sè per i suoi “modi” di affrontare la diffusione della sua musica, infatti ha cancellato tutti i suoi lavori da Soundcloud per caricarli su chiavetta e farli passare da una persona all’altra senza più l’aiuto del sito su cui moltissimi artisti fanno affidamento.

1. RL Grime

Il momento è arrivato, e al numero uno, solido come una roccia, prende il suo trono RL Grime.

Ha ipnotizzato ogni amante del genere con produzioni incredibili, è salito sui palchi dei festival più famosi e ha regalato momenti indimenticabili.

Non c’è molto da dire a parte che, se non lo conoscete, vi state perdendo uno degli artisti più energici degli ultimi anni.

Ora però arriva la parte scomoda.

Sono infatti affidabili queste posizioni? La risposta è un “NO“!

Spieghiamo meglio: tutti e 5 gli artisti meritano di essere inseriti in un’ immaginaria classifica che rappresenti i migliori produttori Trap degli ultimi anni, tuttavia ci sono diversi motivi per cui credo che il risultato sia dovuto ad una scelta più “mainstream” che veramente ragionata.

Innanzitutto la posizione numero uno: RL Grime è praticamente il re della Trap, ma parliamoci chiaro, nel 2016 ha rilasciato solo due canzoni e per di più nemmeno delle migliori: è stato scelto per quello che rappresenta il suo nome piuttosto che per quello che veramente ha messo in gioco quest’anno.

Al contrario NGHTMRE è un po’ di mesi che continua a stupire e non si è ancora fermato, continuando a portare i fan dalla sua parte. Se dovessi scegliere un probabile vincitore per questa classifica sarebbe uno dei primi nomi che mi verrebbe in mente.

DJ Snake? Forse anche lui è stato un po’ aiutato dalla fama, infatti ha praticamente rilasciato solo “Propaganda” come singolo degno di nota per questo genere e si è allontanato sempre di più dalle produzioni che lo avevano lanciato come artista Trap.

HeroBust invece ha fatto davvero un buon percorso, e il posto se lo è meritato.

Le classifiche insomma hanno sempre lasciato un po’ a desiderare, non tanto per gli artisti inseriti ma per il motivo per cui sono votati: le TOP sono sempre lo specchio più della pubblicità e dell’impatto “mediatico” sul pubblico piuttosto che uno sguardo imparziale sul panorama EDM che ovviamente sarebbe comunque difficile da dare visto la mancanza di parametri fissi.

In questa classifica per esempio ci sarebbero molti altri nomi che potrebbero essere inseriti: Flosstradamus, Rickyxsan, Marshmello, Hucci o Yellow Claw e questo fa capire come la difficoltà di stilare una vera e propria TOP renda inutile il continuo discutere riguardo la veridicità di queste classifiche.

Se accettassimo i voti per quello che sono, ovvero un semplice supporto agli artisti più famosi, invece che scannarci su chi si meriti il posto in cima potremmo rendere questa community migliore giorno per giorno, o almeno fino ad ottobre quando per qualche settimana durante gli annunci dell’AMF ci trasformeremo di nuovo tutti in critici ed intenditori di tutta la musica EDM.

About Gregorio Citterio

Studente di Informatica Musicale presso l'Università Statale di Milano, appassionato di musica elettronica e sound design. Autore delle rubriche "Serum Tutorial" e "The Dark Side of EDM".

View all posts by Gregorio Citterio