L’R&D di Spotify, Gustav Söderström, ha annunciato al Gramercy Theatre di New York una nuova versione free della piattaforma che rivoluziona l’ascolto gratuito della musica nella sua versione mobile. Tra le novità troviamo un rapido suggerimento dei brani, grazie al grande contributo di Spotify verso l’apprendimento automatico. Importante è la nuova possibilità per gli utenti di poter cambiare canzone senza rimescolare, come avveniva nella vecchia versione free, ma solo se essa si trova in una delle 15 playlist discovery come Daily Mix o Discovery Weekly. 750 brani, più di 40 ore di ascolto on-demand.

Verrà inserita anche una nuova funzione detta “playlist assistita” che fornirà suggerimenti nella versione mobile gratuita basata su playlist esistenti, già create dagli utenti.

Gustav Söderström, R&D di Spotify
Gustav Söderström, R&D di Spotify

Spotify ha integrato anche una modalità a basso costo (chiamata data saver) che riduce il consumo di dati fino al 75%. In passato, Spotify non consentiva l’ascolto offline gratuitamente, il che significava che gli utenti erano in qualche modo legati al wifi se avevano bisogno di conservare i dati. Spotify ha raggiunto oggi 90 milioni di free users. E molti di questi diventano utenti a pagamento, che sono attualmente 70 milioni.

Spotify conta attualmente 157 milioni di utenti totali nel mondo, dei quali il 71% è under 34. La piattaforma offre 35 milioni di tracce nel suo catalogo e il sistema è basato su tre livelli: ubiquità, personalizzazione e freemium. L’R&D Söderström ha spiegato che Spotify immagina se stessa come una radio degli anni ’90, dove la scoperta di grande musica è stata supportata da pubblicità e ha spinto le persone verso i negozi di dischi.

Una cosa di cui Spotify non ha parlato è stata la voce. L’azienda ha testato i comandi vocali all’interno della sua app mobile, offrendo agli utenti un percorso verso la musica più veloce. Söderström ha detto che Spotify sta investendo anche in questo senso. In un piccolissimo lancio internazionale all’inizio del 2018, Spotify ha rilasciato un’app standalone “Stations” dedicata esclusivamente alle playlist.

Infographic: More and More Spotify Users Pay for Premium | Statista You will find more infographics at Statista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *