Anche quest’anno parte del team di youBEAT è stato presente alla quinta edizione di Reload Music Festival a Torino nell’enorme spazio Lingotto Fiere.
Gli headliner di quest’anno sono stati Afrojack e Vini Vici, con la volontà di proporre una line up più specifica, con artisti appartenenti al filone Hardstyle – Dubstep – PSY-Trance che con successo hanno fatto saltare e divertire fino all’alba i presenti da tutt’Italia, fino alla chiusura di Roberto Molinaro, patron del festival che ha presentato la “MolinHero Anthem”, nuova produzione psy-trance di ottimo livello, nella parte centrale del festival.

Vorremmo riportarvi alcuni commenti dal gruppo facebook “Reloaders”, che trasmettono qualche emozione dell’esperienza vissuta che noi di youBEAT condividiamo:
F.A.: “Set che vi è piaciuto di più? 🔥 A me: Vini Vici. Set della Madonna, e mi sono emozionato parecchio, perché li adoro e aspettavo da tanto di sentirli.
Ma anche Wildstylez, Flux, Mad Dog e Anime… Madonna”
J.N.: “Non ci sono parole, come sempre il reload si é superato anche quest’anno.”
A.R.: “Si può già iniziare con le richieste per il prossimo anno? 😁”

Sono tante le anteprime esclusive (ID) presentate al festival da parte degli artisti, infatti sui social si vedono tante domande e ricerche alle canzoni che gli special guest in line-up hanno voluto testare nel più importante “OneDay” festival EDM in Italia.

Di seguito due nostre IGTV che riprendono gli headliner:

VINI VICI:

AFROJACK:

Le nostre reporter Stefania, Martina e Giulia hanno intervistato tre degli artisti in line-up, molto diversi tra loro per stile:
WILDSTYLEZ – con al suo interno l’aggettivo perfetto per descrivere il suo set: wild.
A distanza di un anno, l’esponente olandese dell’hardstyle torna in Italia al Reload Music Festival. Il suo show ci sorprende fin da subito: forza e potenza caratterizzano la sua performance, tanto da non lasciare neanche un secondo di respiro alla folla. Ma i fan sembrano non volersi riprendere dai suoni martellanti, e continuano ad esaltarsi ad ogni traccia!
DROPGUN – 
back2back con il duo Smack, completamente nuovo e proposto da giovani talenti che hanno saputo coinvolgere in maniera esemplare con i loro suoni prevalentemente Future House ma che spaziano su tanti altri sottogeneri dell’edm.
KLAUS – 
giovane conosciuto prettamente per la sua carriera da youtuber, ha deciso di intraprendere un progetto parallelo come dj e produttore. A Reload col suo set ci ha portato nel suo mondo fatto di tracce Progressive e revival in stile SHM, ma anche in suoni più Deep e Tech House in voga al momento”.
________

Giulia intervista KLAUS:

Chi ti segue sa che sei un grande appassionato di musica elettronica, la quale è molto presente come tema dei tuoi video. Quando e perché hai deciso di buttarti anche nella carriera di dj e produttore?
In realtà ancora prima di essere uno youtuber o altro mi dedicavo al djing e alla produzione. Difatti i miei primi video su Youtube erano dei tutorial musicali o vlog di concerti e festival, specialmente degli Swedish House Mafia. Inoltre ho altri due progetti musicali che vanno avanti da tempo, non a nome Klaus. Uno di questi è il progetto MAROMA, firmato Sony. L’altro è tutt’ora segreto. In parallelo a Youtube ho voluto fare musica senza usare il mio nome in collaborazione con altri miei amici di Roma. Nonostante ciò abbiamo raggiunto degli ottimi numeri. Ne sono davvero soddisfatto in quanto ho raggiunto buoni obiettivi senza usare la promo di quello che è Klaus Youtuber.

In questi ultimi tempi ho invece voluto unire le mie passioni, principalmente perché mi diverto moltissimo, e anche perché vorrei portare la musica su Youtube.

Riguardo a questa voglia di unire musica e Youtube, che progetti hai in mente?
Ci sto giàprovando, ovviamente progressivamente e con i dovuti tempi, in quanto non posso da un momento all’altro svoltare i contenuti del mio canale. Anche perchéciòche faccio su Youtube mi piace veramente tanto e non smetteròmai. Quindi continueròsempre piùa portare anche video musicali, vlog mentre partecipo a serate o festival. Tra l’altro quest’ultima cosa mi ha sempre interessato, ma in pochissimi la facevano. Sperimenterò col tempo.

Che difficoltà stai incontrando in questo tuo percorso nel mondo musicale?
L’unica difficoltà è il pubblico. Spesso vengo giudicato come “quello che ha fatto Youtube e adesso vuole fare altro”. Ma come ho spiegato inizialmente, prima ho fatto altro, e poi sono arrivato a Youtube. Non voglio assolutamente convertire il mio pubblico come molti pensano. Mi dispiace molto che la gente pensi questo, ma onestamente vado avanti per la mia strada cercando di convincerli del contrario.

Quale è il tuo obbiettivo principale per questa avventura?
Non ho un vero e proprio obbiettivo. Faccio questo perchémi diverto, è la mia passione, e vorrei condividerla con piùpersone possibili e avvicinare anche la gente a questo genere musicale.

Oltre ad ambienti prettamente musicali come Reload, hai preso parte come dj anche a manifestazioni sul mondo digitale e Youtube. Che differenza c’è nel fare il dj in questi contesti? Quale preferisci?
Bh è sicuramente preferisco ambienti come quello di stasera. Nell’altra situazione è sempre bellissimo, ma è un set intimo che faccio per la gente che mi segue  su Youtube, è una cosa molto intima. In ambiente festival invece ho piùlibertàdi espressione. Ad esempio questa sera quando ho visto che l’affluenza era molta nonostante fosse un orario da warm up, il pubblico era carico, mi sono caricato anche io!

Quindi come hai pensato il set di questa sera?
Non l’ho pensato. Mi son portato a dietro più tracce possibili proprio per spaziare in base alle reazioni del pubblico. Son partito con un po’di deep e tech house, poi la gente è aumentata, ed infine ho suonato molte cose che piacciono a me, quelle che ascolto durante la giornata. Non ho seguito ne una linea ne un set preciso.


____________________________________________________

Martina intervista DROPGUN

Quando hai iniziato a fare musica? Quali artisti ti hanno ispirato maggiormente?
Ho iniziato a fare musica circa 6 anni fa quando ero ancora a scuola. La mia ispirazione erano i più grandi producer EDM come per esempio ‘Showtek’, sono sempre stati i nostri idoli.

E’ la prima volta che suoni in Italia? Com’è stato il Reload Music Festival?
No, è la mia seconda volta qua in Italia. Ho suonato 4 anni fa a Milano ad uno school party. Penso che la folla non apprezzasse quel genere di musica ma tutto sommato alla fine è stata una buona esperienza per noi.
Non ci sono parole per descrivere stasera, è stato davvero incredibile per me poter suonare davanti a così tanta gente che apprezza questa musica.

In poco tempo vi siete fatti conoscere nella scena EDM mondiale, raggiungendo etichette importanti come ‘Spinnin Records’, ‘Hexagon’, ‘Revealed Recordings’ e ‘Musical Freedom’. Quali sono i vostri progetti per il futuro?
Solitamente chi ha così tante release su etichette di spessore, fanno anche tanti shows; ma noi no. Questo perché la nostra ispirazione è produrre musica continuamente, dare alla gente tanta musica. Penso che se fai tanta musica, poi raggiungerai molti festival.

Com’è essere parte della famiglia ‘Hexagon’?
Penso che sia una delle label migliori, è molto bello farne parte.

Avete collaborato in passato con grandi artisti come DVVBS, Tony Junior, Breathe Carolina, Swanky Tunes. State lavorando a nuove collaborazioni?
Si, stiamo lavorando a qualcosa di nuovo con i nostri producer preferiti: Showtek. Penso che verrà rilasciata a breve.

____________________________________________________

Stefania Intervista WILDSTYLEZ

Come vedi l’Italia come paese in cui suonare? Hai una zona in particolare in cui ti piacerebbe esibirti?
Adoro l’Italia! Vengo qui da sempre, sin dagli inizi della mia carriera. La folla è sempre fantastica, e l’energia che si sente è bella carica! Per quanto riguarda la zona, ti dirò che non ho preferenze.

Come pensi che sia cambiato il tuo genere? All’estero si è decisamente espanso, molto più che in Italia, dove invece si sta ancora aprendo.
Il mio stile è un po’ cambiato. Ciò che produco oggi è molto simile alle produzioni che facevo nei primi tempi. Faccio molto Kick and Bass, e penso di andare avanti così!

Dicci qualcosa delle tue prossime release!
C’è un remix che ho fatto per due leggende, ma non posso ancora rivelare molto. Ti posso dire che verrà rilasciato a fine marzo, oppure ad aprile. C’è molta roba che deve ancora uscire, tra cui delle collaborazioni…ma non posso dirti altro, è segreto!

/////////////

Ringraziamo Reload Music Festival e i mgmt degli artisti per queste interviste!