Pop Fest – People On Pleasure è tra le più grandi manifestazioni italiane dedicate alla musica dance. E’ cresciuto negli anni fino a contare oltre 100.000 presenze nell’edizione 2016. Oltre a Gallipoli, che ospita gli eventi 2017, anche Milano, Jesolo, Palermo, Bari hanno ospitato i colori ed il calore che contraddistinguono le notti Pop.

Pop Fest - People On Pleasure 2017
Pop Fest – People On Pleasure 2017

POP FEST è un progetto musicale che si è affermato e consolidato negli anni registrando una considerevole e crescente partecipazione del popolo della notte soprattutto giovanile e ricevendo notevoli riconoscimenti dagli addetti ai lavori e da esperti del settore.
Nato dall’idea di creare una vera e propria rassegna musicale e di intrattenimento notturno incentrata sulla sinergia, sull’interazione e sul feeling fra artisti, pubblico, contesto musicale e arti visive, oggi rappresenta uno dei più importanti e completi contenitori dell’entertainment notturno e della musica.

La rassegna si pone da un lato come un palcoscenico molto importante per giovani e veterani DJ/producer del segmento della musica pop e commerciale nazionale e internazionale e dall’altro come valvola di sfogo per gli utenti, i quali hanno la possibilità di vivere in ogni occasione un esperienza unica frutto di un mix perfetto fra sano divertimento, emozioni trasmesse dalla suggestiva location e dalle performance degli artisti più blasonati e quotati bel panorama mondiale della musica in scena al esclusivamente al Pop Fest.

L’Estate 2017 vede una programmazione molto interessante dal 2 Luglio al 31 Agosto, dove la location Praja ospiterà 21 dei 23 eventi, insieme alle Cave che accoglieranno Deadmau5 il 2 Agosto e Bob Sinclar + Albertino il 17 Agosto.

È Silvio Carrano, uno dei primi responsabili del “Pop Fest”, ad aprire la stagione il 2 Luglio alla Praja di Gallipoli!

Silvio Carrano

SILVIO CARRANO RACCONTA POP FEST – PEOPLE ON PLEASURE

Com è nato Pop Fest – People On Pleasure?
La mia fame di novità ha incontrato l’attitudine di Musicaeparole (un vero colosso del clubbing) nel produrre grandi eventi. Ho inziato a proporre i dischi degli svedesi nel 2003, ricordo “Slammin” di Eric Prydz, “Voices” di Steve Angello. Quando ho cominciato a passare le prime cose “dutch” di Chuckie ed Afrojack, molti colleghi mi hanno dato del pazzo. Invece il web ha aperto le menti e i cuori degli ascoltatori, le grandi canzoni e i festival hanno innescato una grande rivoluzione. Noi eravamo già partiti, ad esempio ospitando Axwell talmente tanto tempo fa che durante la serata suonò in anteprima “Leave The World Behind”.  Decidemmo di raccogliere tutti i più importanti dj set all’interno di un unico concetto : pop, colorato e festoso… Pop Fest – People On Pleasure.

Qual è il segreto di Pop Fest – People On Pleasure?
Il segreto di PopFest è la formula : una gallery dedicata ai migliori dj del mondo.

Ognuno di loro è protagonista, i fan riescono a connettersi con i loro idoli in una dimensione confezionata ad arte con grandi scenografie ed impianto audio di prima categoria. La crescita negli anni è dovuta al continuo lavoro di ricerca per la programmazione artistica e alla cura scrupolosa per i nostri spettatori  offriamo servizi di alto livello per soddisfare le esigenze di tutti.

Quali sono stati i guest che si sono alternati al mixer?
Quasi ogni star mondiale degna di tal nome ha calcato il nostro palco: Hardwell, Dimitri Vegas & Like Mike, Skrillex, Nicky Romero, Ingrosso, Bob Sinclar, Deorro… Giusto per citarne alcuni.  Siamo onorati che i nostri stage siano considerati tra i più ambiti da tanti artisti di livello internazionale, durante le loro esibizioni lo fanno percepire al pubblico e scatta la “magia” che ha fatto entrare i nostri eventi nel cuore di chi li ha vissuti.

Ci puoi anticipare qualche novità dell’edizione 2017?
L’edizione 2017 vedrà on stage  grandi star come Deadmau5, Marshmello, Bob Sinclar, Ingrosso, Axwell, Nervo, Nicky Romero, R3hab, Tujamo, Benny Benassi, Daddy’s Groove e molti altri.  Le novità non saranno solo musicali, il Pop Fest Village in un’area adiacente al dancefloor permetterà al pubblico di vivere una nuova esperienza di intrattenimento. Le date sono già state annunciate da tempo e sono disponibili sulla pagina Facebook del festival (facebook.com/popfesteurope).

Quali sono i tuoi ricordi più belli legati al Pop Fest – People On Pleasure?
Porto nel cuore la prima volta con Nicky Romero, molti anni fa. Pubblico numeroso e preparato, pronto a fare festa. La mia crescita professionale negli anni “POP” è stato un bellissimo viaggio che mi ha permesso di condividere lo stage con molti dei miei artisti preferiti. Alcuni di loro li sento anche in privato, capita tra dj di scambiarsi le proprie novità discografiche. Nutro profonda stima artistica e personale per Bob Sinclar, è un vero gentleman, una delle persone più solari ed educate che abbia mai conosciuto.

Qual è il futuro della musica dance secondo te?
I giovani si innamorano facilmente delle “novità” e un suono diventa vecchio da un giorno all’altro. In termini stilistici, la PSY  Trance e la Bass House sono sempre esistite ma solo negli ultimi tempi sdoganate nel mainstrem grazie a dischi/artisti di successo.  Future House e Trap sono uno spin-off (brutto) della dance bigroom.  Il faro restano le grandi melodie capaci di emozionare e resistere nel tempo a prescindere a suoni e bpm. Tutti aspettano “il suono nuovo”, mi auguro che sia un produttore Italiano a trovarlo!