Quante volte ci siamo chiesti come un producer abbia creato dal nulla una traccia tanto spettacolare?! Quante ore abbiamo speso davanti ai nostri PC per poter ricreare anche solo un pezzo della nostra traccia preferita, nella speranza di poter riprodurre almeno parzialmente le stesse sonorità usate dal nostro Dj/Producer preferito?! Quanto tempo abbiamo passato a studiare come poter carpire i segreti della produzione musicale che i nostri idoli riescono a padroneggiare?!

In questo articolo vogliamo raccontare ed analizzare un fenomeno recente ed innovativo, nonché estremamente interessante per tutti i producers, siano essi amatoriali o esperti, che funge da perfetto mediatore tra il TopDJ e il suo pubblico, inteso come insieme di fan o comunque appassionati di genere: il fenomeno Masterclass.

Masterclass è una compagnia che permette ad artisti di chiara fama e riconosciuti universalmente come esperti di una certa materia, di tenere un corso online, diviso in diverse lezioni, al fine di condividere con il pubblico tutte le loro conoscenze nella professione di cui sono esperti. Il fenomeno delle Masterclass ha preso vita piuttosto recentemente, e anche il mondo della musica elettronica si è accorto della sua enorme potenzialità tanto che alcuni dei nostri artisti preferiti stanno iniziando a produrre le loro personalissime Masterclass. Come alcuni potrebbero pensare, questa non va limitata al concetto di semplice tutorial, poiché in questo caso è l’artista stesso che parla del suo modo di concepire la musica elettronica, abbracciandone ogni singola sfumatura, dalla produzione al mastering, includendo spesso e volentieri aneddoti, curiosità, consigli utili e “trucchi del mestiere”. Vediamo adesso nel dettaglio le principali Masterclass ufficiali finora pubblicate:

  • Deadmau5

Primo tra tutti, nel florido mondo dell’Electronic Music, ad aver portato avanti la sua personalissima Masterclass è stato Deadmau5, artista che non ha bisogno di presentazioni, data la sua grande fama nell’ambiente musicale sia per l’originalità delle sue tracce, frutto di uno studio elaborato alla perfezione e quasi maniacale, sia per il suo carattere piuttosto dirompente, espresso in largo modo sui social.

La notizia che il boss della mau5trap abbia dato vita al suo personale corso di produzione musicale potrebbe quasi non essere stata una sorpresa per i suoi fan più accaniti, ma certamente una grande notizia per i tanti producer che ambiscono a carpire i segreti del suo successo musicale. Spesso e volentieri, infatti, abbiamo potuto assistere a delle prese di posizione dello stesso Deadmau5, che si è più volte lamentato dell’operato di alcuni suoi colleghi, talvolta presi di mira durante i suoi live set, a dimostrazione che lo loro tracce non fossero di elevate complessità e per questo ritenute “scadenti”. Pare, dunque, ovvio che ci si potesse aspettare una Masterclass proprio da parte sua, coerente con la sua ambizione di istruire e preparare il suo pubblico ad una più specifica comprensione in materia di produzione musicale.

Già da questa breve introduzione alla sua Masterclass, si possono carpire i primi importanti consigli dello stesso Deadmau5: tralasciando la frecciatina iniziale con cui si rivolge ai colleghi EDM, il primo consiglio che ci viene fornito è che non è assolutamente necessario spendere un capitale in software e apparecchiature improbabili per poter produrre una traccia di successo. In queste 23 lezioni, che spaziano dalla teoria alla produzione, fino alla registrazione in studio e vendita del proprio prodotto, Deadmau5 ci racconta tutto ciò che sa del mondo dell’ Electronic Music.

Come già raccontato precedentemente, una Masterclass si distanzia dal concetto di semplice tutorial e la conferma la possiamo già avere da questa stessa introduzione, confermando che in questi corsi online si spazia a 360° in quello che un producer di fama mondiale come Deadmau5, ad esempio, vive quotidianamente. Potremmo considerarla quasi come un’apertura personale da parte dell’artista nei nostri confronti, un avvicinamento tra il nostro idolo musicale e il suo pubblico, la sua fanbase, con una notevole componente didattica in più. Non solo ci vengono forniti consigli dai massimi esperti in materia, ma possiamo anche comprendere come loro vedono il mondo della musica elettronica dall’altra parte della console, fornendoci consigli su come rapportarsi con la folla, suggerimenti su come creare e personalizzare un live set, ma ci vengono anche svelati aneddoti, paure ed insicurezze, come quella dello stesso Deadmau5 di aver iniziato a indossare la celebre maschera per “sconfiggere la paura” di dover affrontare la folla.

_____________________________________

  • Armin Van Buuren

La notizia è stata appena annunciata: Armin Van Buuren ha dato vita alla sua Masterclass personale di oltre 20 lezioni! La leggenda della Trance Music ha appena annunciato tramite il suo profilo Twitter di voler portare avanti un suo corso online personalizzato a partire dal nuovo anno, regalando a tutti i suoi fan, ma anche a tutti i producers in generale, un attimo avvio di 2018.

La sua sarà una Masterclass piuttosto diversa da quella sopracitata di Deadmau5, complice anche il diverso “movente”, per così dire, che ha portato queste due leggende a creare una loro Masterclass: il corso di Armin Van Buuren sarà, infatti, molto incentrato sul fondamentale rapporto che si viene a creare tra il DJ e il suo pubblico durante il Live Set. Naturalmente non viene esclusa la componente didattica in cui lo stesso Armin ci racconterà del suo modo di produrre le sue hit, raccontandoci passo per passo come si arriva alla sua produzione, partendo dalla ricerca della fonte di ispirazione fino alla registrazione in studio. A questo proposito, lo stesso producer ha annunciato di aver creato una traccia dal nulla, proprio in ottemperanza della Masterclass, e che verrà dunque prodotta e spiegata passo dopo passo in ogni lezione.

Come possiamo osservare dal video promozionale della sua Masterclass, la leggenda olandese ci racconta dei passi fondamentali nella creazione e gestione del perfetto Live Set, sottolineando più volte che il pubblico che ha davanti ha bisogno di essere intrattenuto, ha bisogno di sentirsi una cosa sola col DJ, ha bisogno di essere stupito. Ogni singolo elemento del suo set è ampiamente studiato, dalla scelta delle tracce, passando per gli effetti speciali, fino alla stessa produzione delle sue canzoni, in cui il Kick Drum gioca un ruolo fondamentale al fine di scatenare la folla. Non esita neanche, scherzosamente, a raccontare spiacevoli avvenimenti che gli sono occorsi durante la sua lunga carriera, specialmente nei primi anni da DJ, in cui gli è capitato di suonare alcune sue canzoni, ma di non suscitare il minimo entusiasmo nel pubblico. La Masterclass risulterà molto interessante anche perché mostra dal vivo il lavoro che Armin van Buuren porta avanti nel suo studio di registrazione, affiancato dal fedele collega Benno de Goeij, con cui da sempre lavora fianco a fianco sulle sue hit Trance.

_____________________________________

  • ADE Masterclasses 2017: Martin Garrix – Hardwell – Oliver Heldens

Pur non essendo delle vere e proprie Masterclass ufficiali, sono comunque da tenere in considerazione le lezioni che sono solite tenersi in ottemperanza dell’Amsterdam Dance Event da parte di alcuni dei principali Dj/Producer della scena mondiale. Vogliamo adesso parlare, infatti, di tre Masterclass in particolare, tenutesi quest’anno durante il celebre festival olandese, ad opera di Martin Garrix, Hardwell e Oliver Heldens. Questi 3 TopDJ hanno infatti raccontato al pubblico intervenuto in gran numero nella capitale olandese come hanno prodotto alcune delle loro tracce più famose, come Animals, Spaceman e Gecko.

A dire il vero, più che delle Masterclass, queste lezioni hanno più la forma dei comuni tutorial. Quanto appena detto viene giustificato dal fatto che questi 3 TopDJ hanno fondamentalmente raccontato al pubblico come sono riusciti a creare loro principali hit, argomentando nel dettaglio passo dopo passo la creazione di quest’ultime e svelando le loro sensazioni in fase di produzione, nonché il modo in cui sono soliti portare avanti le loro tracce. Tutto ciò non toglie assolutamente credito a queste lezioni, che anzi hanno ottenuto notevole successo e sono di gran lunga efficaci per poter comprendere al meglio alcuni “trucchi” che i nostri DJ preferiti sono soliti usare in fase di produzione.

Andando nello specifico, Martin Garrix ha incentrato la propria lezione sulla composizione melodica, dando consigli e suggerimenti su come poter produrre una melodia completa, emozionante e decisa, ritenendola la parte fondamentale delle sue composizioni. Durante la lezione è stata presa in esame anche la sua personale concezione del mondo EDM attuale, in cui la componente Pop gioca un ruolo chiave per garantire successo alla traccia, come nel caso di “Scared to be Lonely“, a lungo studiata nel corso della Masterclass. 

Oliver Heldens ha piuttosto preferito incentrare la sua lezione sulla spiegazione di come ha portato a termine una sua nuova traccia funky-house sotto l’alias HI-LO, chiamata “Sounds of Disco“. La sua Masterclass è risultata piuttosto complessa ed estremamente dettagliata, indirizzata dunque a producer di una certa competenza. 

Infine Hardwell, ormai ex #1 dei TopDJ secondo DJMag, ha tenuto la sua lezione su due punti fondamentali: inizialmente ha voluto spiegare il modo in cui lui è solito produrre, facendo interessanti paragoni tra il suo modus operandi e quelli di altri suoi illustri colleghi, mentre nella seconda parte della lezione si è voluto concentrare sulla creazione di un perfetto Drop, ritenuto la parte fondamentale delle sue produzioni, componente che lo ha reso particolarmente celebre nel panorama EDM. 

_____________________________________

In questo articolo abbiamo preso in esame il fenomeno della Masterclass, che sta segnando un capitolo di fondamentale interesse per tutti gli appassionati di Electronic Dance Music. Ogni Masterclass permette a chiunque di prendere parte ad un corso costruito ad hoc da parte dei migliori producer esistenti, che condividono con noi il loro talento, la loro genialità, i loro segreti e il loro successo. Una corso professionale da cui è impossibile non trarre vantaggi notevoli, conoscenze fondamentali, che hanno reso i nostri idoli musicali quello che sono oggi.. insomma, un’occasione da non perdere!

About Matteo Florio

Fiorentino, laureato in Mediazione Linguistica e Culturale, bass-addicted, bass-lover, bass-head.. insomma: BASS. Grande appassionato di Club Culture, vivo la mia vita a suon di BPM e cerco di raccontare a 360° la mia più grande passione: la Musica Elettronica. Ah, e mi piace deadmau5.

View all posts by Matteo Florio