In questo primo episodio della nuova rubrica “Serum Tutorial” vedremo come ricreare uno dei synth più caratteristici della G-House ovvero quello utilizzato da Malaa nella sua traccia Notorious.

Utilizzeremo solamente Serum senza alcun tipo di post produzione se non l’aggiunta di qualche effetto interno al VST.

Per quanto riguarda la parte degli oscillatori il primo dovrà essere un’onda sinusoidale, che potete trovare singolarmente nella sezione”Analog” con il nome di “Analog_BD_Sin” oppure alla prima posizione della wavetable sempre sotto “Analog” ma selezionando “Basic Shapes“.

Una volta settata la forma d’onda le uniche due modifiche da fare su questo primo oscillatore sono alzare il volume all’80% tramite “Level” e abbassare l’onda di un’ottava tramite la dicitura “OCT“; quest’ultima modifica abbassa all’ottava sottostante la nota che premiamo sul nostro controller midi, quindi per esempio premendo il tasto C4 il suono riprodotto sarà C3.

Il secondo oscillatore dovrà restare sulla forma d’onda prestabilita da Serum quando si vuole iniziare un nuovo preset, un risultato simile ma non perfettamente uguale può essere ottenuto scegliendo la seconda posizione nella wavetable di “Basic Shapes” sempre sotto “Analog” ovvero un dente di sega.

Una volta abbassata l’ampiezza dell’onda al 65% tramite “Level“, l’unica cosa da fare è dare un po’ più di immagine stereo al suono alzando il numero di voci a 7 tramite “Unison” e avvicinarle tramite “Detune“.

Per quanto riguarda l’oscillatore del sub bass in alto a sinistra è possibile settarlo su un’onda sinusoidale oppure triangolare, quest’ultima nel caso si voglia avere un timbro più grattato, e abbassare l’ottava di 2.

Il filtro nella parte in alto a destra del nostro VST deve essere settato sul Low Pass Filter con qualità migliore messo a disposizione nella sezione “Normal” ovvero “MG Low 24“; per dare più saturazione al suono alziamo il “Drive” del filtro tra il 15% e il 20% andandolo ad utilizzare come un equalizzatore e spostiamo la frequenza di taglio al massimo possibile tramite “Cutoff“.

L’ultima cosa da fare in questa schermata è dare la tipica forma dei “Pluck” al nostro inviluppo di ampiezza “ENV1” portando a 0 il “Sustain” diminuendo di poco il “Decay” e dando pochissimi millisecondi di “Release“.

La parte più importante per ottenere il risultato voluto però è quella dell’effettistica, in particolare la distorsione e il seguente filtro sono le chiavi di questo sound.

Per quanto riguarda la prima bisogna scegliere “Sin Fold“e alzare il “Drive” fino al 15%: ora lo spettro dell’onda risultante dalla sovrapposizione dei 3 oscillatori precedenti verrà distorto dall’onda sinusoidale rappresentata in arancione.

Questo passo ci avvicina molto al risultato desiderato ma introduce anche molte frequenze medio-alte che non vogliamo assolutamente: applichiamo quindi un secondo filtro al suono ottenuto, serum infatti applica gli effetti in modo sequenziale, uguale al precedente ma settando il “Cutoff” a 65 Hz e modulandolo tramite il nostro envelope del 36% verso gli alti.

Una parte opzionale è aggiungere un equalizzatore e alzare leggermente i medi-alti selezionando l’impostazione “Peak” e giocando con le frequenze.