Abbiamo incontrato i Merk & Kremont al Sesto Senso sul Lago di Garda in una dello loro ultime tappe dell’Hands Up Tour, dove Joe e Fede ci hanno raccontato dello strabiliante successo del singolo con i DNCE e dei loro prossimi progetti musicali.

Ciao ragazzi, come vi siete trovati al Sesto Senso questa sera?

“Ci siamo trovati benissimo, una location eccezionale. Tornare a Desenzano è stato un piacere, la pista ha risposto in maniera fantastica. Una figata!!”

“Hands Up” ha scalato varie classifiche ed ha superato recentemente gli 11 milioni di plays su Spotify, siete soddisfatti di questo traguardo?

“Assolutamente sì, non ce lo aspettavamo, noi, a dirla tutta, pensavo che Hands Up sarebbe stata forte in Italia, non aspettandoci chiaramente tutte queste views, tutto questo streaming e soprattutto di arrivare al traguardo del disco d’oro. Lo è diventata giusto la settimana scorsa.”

Come è nato e si è sviluppato il progetto “Hands Up”?

“Abbiamo ricevuto questa idea che abbiamo poi sviluppato, arrivando così ad una struttura finale che ci ha portato a pensare che potesse suonare molto bene sulle corde dei DNCE: un gruppo che stimiamo moltissimo. Allora abbiamo deciso, con la nostra etichetta, l’Universal Music, di provare ad inoltrare il brano ai DNCE che hanno, da subito, amato la traccia decidendo così di collaborare con noi. Il tutto si è concretizzato con la pubblicazione su Spotify.”

Quale è il remix di “Hands Up” che suonate maggiormente?

“Il remix di Hands Up che suoniamo maggiormente è quello di Neero. Siamo molto soddisfatti di tutti i remix pubblicati perché sono completi nel loro insieme, rappresentando quasi tutti i generi. Ad esempio, quello di Denis First che è molto più House lo suoniamo in alcune serate in cui il dj set deve crescere pian piano. Poi c’è quello dei Sunstars che è più “pestone”, chiamiamolo così, che suoniamo quando la serata è già avviata. Come già detto il remix pack è completo, quindi ci permette di svariare su più generi e questo ci rende orgogliosi.”

Da dove è partita l’idea dell’”Hands Up Challenge”?

“Eravamo in van per Riccione, destinazione Radio Deejay Stage, e Joe mi fa vedere questo video di suo padre, Raul, che ha cercato di far replicare questo movimento a sua nonna. È stato molto divertente perché, come molte altre persone, non riusciva a farlo, soprattutto al primo tentativo. Da lì abbiamo deciso di mettere alla prova i nostri follower nel medesimo gioco divenuto poi virale.”

Come sta andando il vostro merchandising?

“Sta andando molto bene, sono ancora disponibili alcune cover per smartphone, in tutti i modelli prodotti. A breve lanceremo una nuova linea, sarà bellissima!”

Trovate tutti gli articoli qui: Merk & Kremont Shop

Durante l’Hands Up tour avete suonato sia in Italia che all’estero: con quale pubblico vi sentite più a vostro agio? Quale è stato l’evento più divertente?

“Suonare in Italia ci piace tantissimo, molto di più che all’estero, perché peter stare a contatto con i propri fan crea un’atmosfera unica. Una delle serate in cui ci siamo divertiti maggiormente questa estate è stata quella dell’Ultra Music Europe in Croazia a luglio: una figata!”

Durante l’ultimo nameless music festival avete suonato qualche ID: fra quanto uscirà la vostra prossima traccia, seguirà le sonorità e lo stile di “Hands Up” o di “Get Get down”?

“Al Nameless abbiamo suonato un’ID che si chiama “SUSHI” che uscirà molto a breve su Spinnin Records. Questa avrà sonorità più House, rispetto a tutto il nostro repertorio, non avrà in realtà, nè il tiro di Get Get Down, né il tiro di Hands Up: sarà un qualcosa di totalmente nuovo. Questo nuovo sound suona molto bene, la gente si diverte tantissimo. È simile allo stile Heldeep, ma con sonorità UK House.In realtà abbiamo suonato un’altra traccia, una collaborazione con i Sunstars: Hype. Per vincoli discografici purtroppo non possono rilasciare la canzone insieme ai Sunstars, dunque uscirà solo a nome del trio parmigiano.”

Ringraziamo Merk & Kremont per l’intervista!

Giacomo Mora intervista Merk & Kremont alla discoteca Sesto Senso – youBEAT

Giacomo con Joe e Fede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *