A Dreamland Music Festival tanta musica ma anche tanto movimento nel backstage. Dopo il suo set abbiamo potuto fare qualche domanda a Thijs Westbroek, meglio conosciuto come Brooks.

Ecco l’intervista sul suo futuro tra lavoro, emozioni e progetti.

BounceMakers: intervista al duo italiano tra produzioni e Dreamland Music Festival

Dalla ricerca del fattore X al legame con Nicky Romero: intervista ai FaderX a Dreamland Music Festival 2019

 

 

  • Siamo vicini alla fine di questa calda estate. Prova a farci un piccolo bilancio della tua estate.

È stata pazzesca, più di quanto potessi desiderare. Mi sono divertito molto tra gli show e i viaggi, ho visto molti paesi in cui non ero mai stato. Ho conosciuto per la prima volta molti djs che conosco da una vita ma non avevo mai incontrato fin ora. Voglio dire, in principio sembra sempre lontano la fine dell’estate quando posso finalmente riposare un po’, ma poi ogni volta sono triste perché è finita un’altra volta e mi tocca aspettare un altro anno. Quindi è un po’ un mix di sensazioni. E ora sono molto molto felice grazie a tutti gli shows, ma sono anche un po’ triste che ora è finita, che stiamo per tornare a casa e spegnere tutto per un po’. Avrei voluto ancora qualche show. Ma bisogna ammettere che è stata una scaletta molto ben studiata e ho anche avuto tempo per riposare e pensare a nuova musica.

 

  • A tal proposito. Dopo alcune collaborazioni importanti, la gente ha finalmente compreso il tuo talento. I tuoi fans si aspettano nuove produzioni da te. Stanno per arrivare?

Un sacco. Ho quattro o cinque tracce pronte. Devo solo scegliere quale rilasciare per prima. Mi aspettano due o tre mesi per stare in studio ora. E voglio solo andare in studio, voglio fare nuova musica. Soprattutto tracce mie personali, forse anche un paio di remix e collaborazioni. Ma ora mi sto focalizzando su me stesso, per rendere i miei show e le mie tracce migliori. Mi sto solo focalizzando su Brooks, e sarà pazzesco.

 

  • Ora che sei giunto a questo punto della tua carriera, hai anche tu intenzione di lanciare la tua label come hanno fatto molti altri artisti?

Ci ho pensato, al momento sono super felice di dove sono perché certamente ho pubblicato un sacco attraverso altre label e ho avuto un sacco di supporto da parte loro, sono davvero un buon team. Ora sono più per il continuare a crescere, e non lo so, forse l’anno prossimo. Io e il mio entourage non ne abbiamo nemmeno mai parlato. Al momento non ci sto neanche pensando, ma forse potrebbe essere la giusta mossa da fare. Non voglio estendere il mio focus sulla mia carriera e sulle etichette, ma restare completamente concentrato sulle date ora. Magari più avanti, con un team più grande.

  • Se dovessi scommettere su un giovane artista attualmente su chi scommetteresti?

Ho appena rilasciato una nuova traccia con Jonas Aden. E’ molto tranquillo, lavora solo sul suo sound personale e scrive musica in studio. Sta lavorando come un matto. Mi ha mostrato sia nuova musica, che i suoi piani. Jonas ha molta roba in arrivo e sta anche lavorando con un bel po’ di gente. Sta crescendo come un pazzo. In definitiva date un occhio a Jonas Aden. Io penso che diventerà un grande.

Ringraziamo molto questo ragazzone olandese davvero sincero e aperto con noi. Gli auguriamo il meglio anche se siamo consapevoli che la sua crescita non si fermerà di certo qui.