Il momento “tanto” atteso è arrivato: è stata svelata la classifica dei 100 top djs al mondo del 2015 e tante sono le analisi e le critiche.

Questa speciale classifica, organizzata ogni anno da DJ Mag, raccoglie le votazione dei numerosi fans e appassionati di tutto il mondo. Ogni anno la “Top 100” si conferma sempre ricca di sorprese, imprevedibile e inoltre riesce a catalizzare su di se l’attenzione dell’intero mercato, consacrandola così come la più importante classifica del mondo dedicata ai djs, ma forse non la più veritiera.

Infatti, la Top 100 2015 è stata fin da subito analizzata e criticata sotto diversi aspetti (new entries, in & out, podio ecc)
12083764_10205381772566282_860605159_n

Anche quest’anno le sorprese non sono mancate: Hardwell, dopo 2 anni di dominio, è costretto a lasciare lo scettro a Dimitri Vegas & Like Mike, che salgono sul trono della top 100 e vengono incoronati djs #1 al mondo del 2015.

Proprio nell’anno in cui Dimitri Vegas & Like Mike fanno uscire “Higher Place”, i due dj riescono a raggiungere quelle alte vette nella classifica più importante del mondo, entrando così nella storia.

L’ex dj numero uno, Hardwell, rimane comunque sul podio e si deve accontentare del secondo posto, seguito dal giovane Martin Garrix, che chiude la “Top 3“.


A fargli spazio sul podio è stato Armin Van Buuren, sceso di una posizione, ma che si consacra come sempre miglior artista trance del 2015. Saldo al 5° posto Tiesto mentre David Guetta occupa la posizione #6Senza titolo

A completare la “top 10” troviamo Avicii alla 7° posizione, che perde 1 posizione e si posiziona dietro alla leggenda francese. Ottavo Afrojack, che rientra nei primi 10, dopo il dodicesimo posto dello scorso anno. Mantengono la posizione Skrillex e Steve Aoki, che chiudono la “top 10”. Solo 11° Calvin Harris.
12064003_10205381772686285_918831514_nGrandi salti in avanti per Oliver Heldens, che sale al 12° posto con un balzo di ben 22 posizioni.
Anche i 2 maestri Axwell /\ Ingrosso compiono una grande scalata, possibile solamente grazie al supporto spontaneo dei loro fans dato che non hanno effettuato nessuna campagna promozionale a riguardo.
In ascesa Don Diablo, che sale al 30° posto dalla posizione 82 della scorsa classifica e anche Dj Snake, che con un salto di 33 posizioni si fissa alla #32.

12170554_10205388542455525_35579732_n

Una delle più grandi sorprese di quest’anno è stata l’entrata in classifica di KSHMR alla posizione 23. Per il dj statunitense, reduce dal suo primo liveshow al Teatro Fonda a Los Angeles, il 2015 è stato l’anno della consacrazione con l’uscita di numerosi singoli di successi tra cui “Burn” con DallasK e “Secrets” con Tiesto, definito dallo stesso Hollowell-Dhar Niles come “la più grande release della sua carriera fino ad oggi”. Senza dimenticare il singolo “Jammu”, il suo brano più personale, nel quale KSHMR ha creato un grande “melting pot” EDM tra le influenze moderne e quelle delle sue eredità indiane.
Questa grande annata ha permesso a KSHMR, oltre di entrare per la prima volta in classifica, di ottenere anche il “Next Up Award” per la più alta “new entry”.

12166790_10205381771526256_1717938755_n

Fra le new entry troviamo anche Kygo alla posizione 33, i Bassjacker alla 39 e Jack U alla 45.
Prima volta in classifica anche per i Major Lazer alla posizione 54 e per Will Sparks alla 78.
Sul fondo entrano anche Miss K8  e Tujamo, rispettivamente 94 e 95.
Da notare e coronare il maestro Diplo che si trova in questa classifica con 3 progetti diversi: DIPLO, JACK U e MAJOR LAZER.
12167223_10205388517934912_1704078096_n
Italia rappresentata in classifica dai VINAIZatox, icona Hardstyle, che si piazzando rispettivamente12165796_10205381771566257_265529390_n 43° e 87°.

Grande la soddisfazion12165822_10205381772486280_1446025054_ni per i fratelli bresciani che, nonostante le numerose critiche riguardanti in particolare il loro ultimo singolo “Tecnho”, entrano nella “top 50” con un salto di 19 posizioni.

Grande risultato anche per Zatox che, nonostante la caduta di 16 posizioni, continua a rimanere ben saldo nella classifica più importante al mondo per i djs e si conferma come uno dei più importanti esponenti italiani dell’Hardstyle.


Infine grossi passi indietro per numerosi top djs tra cui gli Showtek, che scendono dalla posizione 17 alla 37. Balzo indietro anche per LaidBack Luke e Borgore, che escono dalla “Top 50” e si ritrovano rispettivamente 64° e 68°. Precipitano di 48 posizioni anche le Krewella, che scivolano al 81° posto in classifica.

Sicuramente lasciano senza parole alcune esclusioni di lusso come quella di Merk & Kremont, votati anche da Dj Mag Italia come Best Producers italiani del 2015.
Sorprende e alimenta le critiche anche il 100esimo posto dei Knife Party, che chiudono la classifica 2015 dopo una caduta di ben 42 posizioni.
Senza titolo2

About Valerio Pennati

Giornalista pubblicista e studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere (corso di Linguaggio dei Media) presso l’Università Cattolica di Milano. Collaboro con la Redazione sportiva del “Giornale di Merate”, settimanale locale in provincia di Lecco. Appassionato di musica e di sport scrivo anche per “Agenti Anonimi”, sito di notizie legate al mondo del calcio. Follow me on Twitter!

View all posts by Valerio Pennati