Sabato 16 e 23 Febbraio, due notti magiche all’Amnesia Milano che ospita rispettivamente il duo britannico Camelphat e la bellezza belga Charlotte de Witte, in chiusura di un bimestre con Derrick May, Pirupa, Davide Squillace, Richy Ahmed, Amelie Lens e altri guest internazionali.

La parola da analizzare è “underground”, che in questi due eventi trova particolari e sfumature complementari.

I Camelphat, con una nomination ai Grammy Awards 2017 per “Cola”, hit internazionale partita dalle spiagge di Ibiza e letteralmente scoppiata nel biennio scorso.

Charlotte de Witte, classe 1992 con tutte le carte in regola per gravitare tra le top ladies nel panorama techno mondiale: talento, eleganza, personalità e un sorriso che fa innamorare.

Iniziamo da Dave Whelan e Mike Di Scala, originari di Liverpool.
Arrivano al club alle ore 02:00, la folla era già in trepidazione, ben scaldata da Frank Storm. Una pista variegata, dove non mancano i “real clubbers” e spuntano anche felpe e gadget di vari festival in giro per l’Italia, e non solo, che toccano più generi musicali.

Ospiti di respiro internazionale, che propongono un set deciso dalle sonorità house che si spostano dalla tech alla deep house, passando per la techno con momenti salienti in cui suonano le loro tracce tra cui “Breathe”, singolo più recente in collaborazione con Cristoph e Jem Cooke.

Manca una canzone e sono le 4:30. Dopo due ore e mezza di set, l’energia che si manifesta nel club è sempre più forte, nell’attesa.
“La metteranno in chiusura”.. “Secondo me non la mettono”.. questi i commenti che si sentivano tra la gente, che da una parte era impaziente di ascoltare quella che davvero è la hit che ha consacrato il duo inglese, dall’altra aveva quasi paura che arrivasse troppo presto per concludere la magia del set.

Ore 5:00, tutti ancora presenti. Luci accese, orario di chiusura.
Ecco che arriva “Cola”, in una versione particolare accompagnata da sonorità tribal afro-house come potete gustare dal video seguente.

Passiamo a Charlotte de Witte, sulla scena da 9 anni con un primo pseudonimo Raving George presentato nel 2010 e la scalata internazionale nel mondo techno fino al traguardo Tomorrowland nel 2017.

Arriva a Milano dopo esibizioni nella sua terra belga, in Spagna, Francia, Olanda, Germania e per finire Roma allo Spazio 900 nel sabato precedente, il tutto nel mese di Febbraio.

Dopo un notevole opening di Sofia T. e Richey V dell’organizzazione milanese VOID, si fanno le 3:00 ed ecco che arriva la bella Charlotte che propone oltre due ore di dj set impeccabile, dove spicca la sua notevole presenza tra una sigaretta e un sorriso.

Ed eccovi un video registrato della nostra reporter Stefania dalla prima fila in pista, dove si denota tutto lo stile di Charlotte de Witte.
(che ha pubblicato la stessa sui suoi profili ufficiali!)

Difficile distogliere gli occhi da Charlotte, che fa muovere la pista gremita fino alle ore 5 inoltrate, quando si accendono le luci e lei “prova” a chiudere il sipario, senza successo dato che la gente non aveva intenzione di fermarsi tanto da chiedere per ben due volte il tipico “se non metti l’ultimo, noi non ce ne andiamo”.

Che dire, complimenti ad Amnesia Milano, che con questi due super special guest corona al meglio l’ottimo bimestre Gennaio / Febbraio 2019!